Mondiali di sci nordico: la rivincita di Schlierenzauer e la passeggiata delle norvegesi

A Holmenkollen giornata dedicata alla gara di salto dal trampolino grande, uno degli eventi più attesi della rassegna novegese.
La nebbia se ne va giusto in tempo per i migliori, dopo che il vento ha condizionato pesantemente la prima manche, svantaggiando non poco gli italiani Colloredo e Morassi, solo parzialmente risarciti dai punteggi di compensazione. Il vento dice bene invece ai norvegesi Jacobsen e Bardal, che saltano lontano e sono superati solo dal solito Morgenstern. La gara è comunque equilibratissima e i primi 10 sono vicinissimi.
Nella seconda prova recuperano bene lo sloveno Damjan e il tedesco Schmitt, senza però inserirsi nei 10, da i quali resta fuori anche il campionisismo polacco Malysz che annuncia il ritiro a fine stagione.
Quando restano i 10 che puntano al podio guida l’austriaco Koch sul norvegese Hilde.
Il tedesco Freund non ce la fa a batterli, a differenza di Kofler che vola lontanissimo e sogna una medaglia, subito fermato da Ammann, che con grande determinazione piazza il miglior salto della prova finale e si porta al comando.
Uhrmann salta bene, ma non basta; Stoch completa la giornata negativa per la Polonia sbagliando lo stacco e perdendo anche la concentrazione per finire a terra e scivolare anche in classifica. Insufficiente anche il salto di Hautamaeki mentre Schlierenzauer si supera e atterra a 134,5 mantenendo il vantaggio su Ammann.
I due norvegesi bardal e Jacobsen questa volta non sono fortunati e non riescono a domare il vento sfavorevole per atterrare troppo presto e uscire dalla zona medaglie.
Morgenstern parte favorito ma si ferma a 131 metri; il punteggio di stile contribuisce a regalare la vittoria per soli 3 decimi di punto al rivale Schlierenzauer, che ottiene così la rivincita e arriva al titolo mondiale dopo aver tremato a Natale per l’infortunio in allenamento.
Austria ancora vincitrice, dunque, e favorita d’obbligo per la gara a squadre di sabato.

Nel fondo, poche ore prima, vittoria come da pronostico per le imbattibili norvegesi che hanno sofferto solo nella prima frazione con Skofterud prima di prendere il volo a metà della seconda tratta con Johaug. Steira, contro avversarie inferiori, e Bjørgen, in scioltezza, non hanno avuto problemi a gestire il vantaggio.
Le finlandesi hanno anche oggi preteso troppo dai loro mezzi, in particolare Saarinen nella prima fase della seconda frazione, e hanno finito per inchinarsi alle svedesi, che hanno avuto problemi con Johansson Norgren in terza frazione, rientrata infine sulla rivale Roponen.
Quarto posto per l’Italia in formazione di emergenza dopo il calo di forma di De Martin e l’infortunio di Genuin, con Antonella Confortola che ha dovuto improvvisarsi su distanza e tecnica sfavorevoli. Una grandissima frazione inaugurale di Marianna Longa, un coraggioso inseguimento di Silvia Rupil e Arianna Follis non sono bastati per il podio, ma il piazzamento è comunque prestigioso.

Venerdì grande attesa per la staffetta maschile, a cui non parteciperà il canadese Harvey, indebolendo così la sua squadra. Svezia, Norvegia e Russia le più attese con una piccola speranza per gli azzurri, che schiereranno nell’ordine Checchi, Di Centa, Clara e Piller Cottrer.

In programma anche la combinata nordica a squadre che si preannuncia molto incerta con i francesi che cercheranno la medaglia dopo i miglioramenti mostrati ieri nel fondo; favoriti tedeschi e austriaci.

Risultati
Fondo
Staffetta femminile 4×5 km.
1 NORWAY NOR 53:30.0
SKOFTERUD Vibeke W. 13:58.8
JOHAUG Therese 13:47.7
STEIRA Kristin Stoermer 12:58.3
BJOERGEN Marit 12:45.2
2 SWEDEN SWE 54:06.1
INGEMARSDOTTER Ida 13:49.3
HAAG Anna 14:05.9
JOHANSSON NORGREN Britta 13:24.3
KALLA Charlotte 12:46.6
3 FINLAND FIN 54:29.8
MURANEN Pirjo 13:56.6
SAARINEN Aino Kaisa 14:03.6
ROPONEN Riitta-Liisa 13:20.3
LAHTEENMAKI Krista 13:09.3
4 ITALY ITA 54:56.1
LONGA Marianna 13:47.9
CONFORTOLA WYATT Antonella 14:56.3
RUPIL Silvia 13:18.7
FOLLIS Arianna 12:53.2
5 GERMANY GER 55:11.8
BOEHLER Stefanie 14:20.9
ZELLER Katrin 14:08.5
SACHENBACHER STEHLE Evi 13:23.5
FESSEL Nicole 13:18.9
6 RUSSIA RUS 55:45.4
NOVIKOVA Valentina 14:26.6
IKSANOVA Alija 14:50.4
TCHEKALEVA Yulia 12:56.6
MIKHAILOVA Olga 13:31.8
7 SLOVENIA SLO 55:53.0
ERZEN Anja 14:45.9
MAJDIC Petra 13:41.7
FABJAN Vesna 13:43.2
JEZERSEK Barbara 13:42.2
8 POLAND POL 56:19.2
MARCISZ Ewelina 14:52.7
KOWALCZYK Justyna 13:34.7
MACIUSZEK Paulina 13:46.0
SZYMANCZAK Agnieszka 14:05.8
9 UNITED STATES OF AMERICA USA 56:24.7
RANDALL Kikkan 14:28.1
BROOKS Holly 14:55.8
STEPHEN Elizabeth 13:35.2
DIGGINS Jessica 13:25.6
10 JAPAN JPN 56:25.8
NATSUMI Madoka 14:28.8
ISHIDA Masako 14:13.5
KOBAYASHI Yuki 13:46.9
KASHIWABARA Michito 13:56.6
11 KAZAKHSTAN KAZ 56:31.2
KOLOMINA Elena 14:14.5
JATSKAJA Oxana 14:30.0
ROSHINA Tatjana 14:21.5
MALAKHOVA-SHISHKINA Svetlana 13:25.2
12 UKRAINE UKR 56:52.6
GRYGORENKO Kateryna 14:46.2
NESTERENKO Lada 15:17.1
SHEVCHENKO Valentina 13:14.7
ANTSYBOR Maryna 13:34.6
13 FRANCE FRA 56:53.2
JEAN Aurore 15:15.0
BARTHELEMY Laure 14:45.3
BOURGEOIS Celia 13:18.2
VINA Emilie 13:34.7
14 CANADA CAN 58:19.2
GAIAZOVA Daria 14:37.6
JONES Perianne 15:11.7
CRAWFORD Chandra 13:59.3
GOSLING Brooke 14:30.6

Salto – Large Hill individuale
1 SCHLIERENZAUER Gregor AUT 277.5
2 MORGENSTERN Thomas AUT 277.2
3 AMMANN Simon SUI 274.3
4 KOFLER Andreas AUT 269.6
5 HAUTAMAEKI Matti FIN 266.2
6 UHRMANN Michael GER 264.0
7 BARDAL Anders NOR 263.8
8 KOCH Martin AUT 262.3
9 JACOBSEN Anders NOR 260.7
10 HILDE Tom NOR 259.0
11 MALYSZ Adam POL 257.6
12 FREUND Severin GER 255.2
13 DAMJAN Jernej SLO 247.2
14 EVENSEN Johan Remen NOR 244.8
15 FREITAG Richard GER 244.7
16 SCHMITT Martin GER 242.8
17 KARELIN Pavel RUS 237.7
18 ITO Daiki JPN 236.3
19 STOCH Kamil POL 235.7
20 TEPES Jurij SLO 235.6
21 ZYLA Piotr POL 232.9
22 KOUDELKA Roman CZE 231.8
23 KRANJEC Robert SLO 230.1
24 KASAI Noriaki JPN 228.2
25 PREVC Peter SLO 226.5
26 TAKEUCHI Taku JPN 224.1
27 YUMOTO Fumihisa JPN 223.6
28 JANDA Jakub CZE 222.5
29 COLLOREDO Sebastian ITA 218.6
30 AHONEN Janne FIN 209.1

%d bloggers like this: