Sci di fondo: Giornata da sogno per Heikkinen, norvegesi battuti e svedesi dispersi

Gara a cronometro anche per gli uomini, su una neve infida che esalta le doti e la fortuna dei preparatori degli sci.

Parecchie assenze di rilievo, nell’ambito di un mondiale molto esigente e affollato di gare; Hellner e Cologna giocano a fare gli stakhanovisti, ma non sarà la loro giornata. Tra i 78 partenti mancano anche i migliori italiani.

Dopo gli outsider, primi segnali interessanti dalla squadra estone, vincitrice con Veerpalu due anni fa; i suoi eredi non sono però all’altezza. Sono allora i finlandesi, spingendo attrezzi che sembrano bolidi, come le compagne di squadra ieri, ad affacciarsi ai 2,2 km. con i migliori tempi per merito di Nousiainen e Heikkinen, quest’ultimo medaglia di bronzo nel 2009.
I norvegesi, che hanno lasciato a riposo Northug, passano al comando con Rønning e si piazzano bene con Johnsrud Sundby; tiene il passo dei migliori anche il ceco Bauer, preparatosi appositamente per l’appuntamento odierno, e partono bene anche i protagonisti di Coppa, Legkov e Cologna.
L’intermedio dei 7 km. restringe il lotto dei potenziali vincitori: tengono bene i due finlandesi, Bauer e i due norvegesi, calano Legkov e Cologna, recuperano posizioni il francese Manificat e il russo Volzhentsev; quest’ultimo, esploso dal nulla con il 10° e il 5° posto nelle ultime due gare di Coppa sulla medesima distanza, è partito con il pettorale 48 e funge da punto di riferimento per gli avversari. Ai 7 km., dunque, comanda Rønning con 8 secondi su Heikkinen e 14 su Sundby; quindi Bauer, Nousiainen, Manificat e Volzhentsev.
Ai 10 km. il sorpasso: Heikkinen passa 3 decimi di secondo più veloce di Rønning e il pubblico comincia ad inquietarsi. Bauer comincia a perdere terreno, mentre hanno già alzato bandiera bianca gi svedesi, con Rickardsson e hellner praticamente fermi, probebilmente a causa di scioline sbagliate.
Il trend dell’ultimo giro vede i finlandesi e Volzhentsev in crescendo e Manificat che paga leggermente lo sforzo. Ai 12,5 km. Heikkinen porta a 7 secondi il vantaggio su Rønning e a 21 su Sundby. Volzhentsev è quarto su Nousiainen.
Nel finale grande rimonta di un altro finlandese, Jauhojärvi, che sopravanza il connazionale Nousiainen e arriva vicino a Volzhentsev, il quale resta seduto sulla poltrona di leader per una decina di minuti, prima di applaudire un Matti Heikkinen che completa brillantemente l’opera e conquista la sua prima vittoria di livello mondiale in tecnica classica. I norvegesi si devono accontentare delle altre medaglie, con Johnsrud Sundby che mantiene poco meno di 5 secondi su Volzhentsev.
Giornata indimenticabile per i finlandesi che in 24 ore si sono completamente rilanciati e possono aspirare a ottimi risultati nelle staffette. Male svedesi e svizzeri, al di sotto delle attese i russi, l’impressione è che saranno ancora gli skimen a fare la differenza nelle prossime gare.
Per l’Italia Gullo è l’unico ad entrare nei 30, ma non ci si aspettava di più.

Domani si gareggia ancora col passo alternato, in una team sprint che registra 16 coppie iscritte tra le donne e ben 26 tra gli uomini.
Follis e Longa sono sicuramente tra le migliori 5 insieme a Finlandia, Norvegia (senza Bjørgen), Svezia e Slovenia.
Pasini e Frasnelli punteranno ad entrare in finale in una gara che vede favoriti Svezia, Norvegia e Russia. Attenzione alle semifinali maschili con ben 13 squadre ciascuna e Venezuela a forte rischio di doppiaggio.

Classifica
Campionati mondiali di fondo – 1 marzo 2011
15 km. tecnica classica maschili
1 HEIKKINEN Matti FIN 38:14.7
2 ROENNING Eldar NOR 38:28.0
3 JOHNSRUD SUNDBY Martin NOR 38:46.6
4 VOLZHENTSEV Stanislav RUS 38:51.3
5 JAUHOJAERVI Sami FIN 38:58.9
6 MANIFICAT Maurice FRA 39:03.5
7 BAUER Lukas CZE 39:09.7
8 NOUSIAINEN Ville FIN 39:11.0
9 ANGERER Tobias GER 39:24.8
10 VYLEGZHANIN Maxim RUS 39:25.7
11 CHEREPANOV Sergey KAZ 39:35.0
12 YOSHIDA Keishin JPN 39:40.9
13 TEICHMANN Axel GER 39:42.8
14 MAE Jaak EST 39:43.4
15 ELIASSEN Petter NOR 39:45.0
16 SIMILAE Tero FIN 39:47.6
17 OLSSON Johan SWE 39:53.1
18 JAKS Martin CZE 39:55.0
19 BAJCICAK Martin SVK 40:11.5
20 LEGKOV Alexander RUS 40:13.9
21 ROETHE Sjur NOR 40:14.5
22 SOEDERGREN Anders SWE 40:22.5
23 KARP Algo EST 40:22.9
24 FREEMAN Kris USA 40:24.4
25 COLOGNA Dario SUI 40:26.5
26 TAMMJARV Karel EST 40:29.8
27 GULLO Giovanni ITA 40:32.8
28 SHIMIZU Kouhei JPN 40:40.6
29 HOFFMAN Noah USA 40:42.8
30 BABIKOV Ivan CAN 40:42.9
33 MORIGGL Thomas ITA 40:56.9
38 HOFER David ITA 41:08.5
41 SCOLA Fulvio ITA 41:21.6

%d bloggers like this: