Roma, pazza idea Mourinho. Sogno o realtà? Mexes:”Mi sento un tifoso romanista.”

Potrebbe essere proprio Josè Mourinho il prossimo allenatore della Roma. Soprattutto se va in porto – come sembrerebbe – il passaggio della società alla cordata degli americani. A dar adito all’indiscrezione le dichiarazioni rilasciate ieri dallo Special One, ormai in rotta totale con Real Madrid: “Se dovessi andar via dal Real mi piacerebbe andare in una grande squadra del campionato inglese o italiano”.

Per i giornalisti iberici,infatti, la Roma è una rivale dell’Inter. Ma loro fanno riferimento solo ai risultati sportivi. La Roma, invece, non è una rivale storica dell’Inter. Se non fosse così non avrebbero senso le parole di Mourinho di ieri: perché altrimenti lo Special One, dopo esser stato alla Roma e al Chelsea, non potrebbe allenare nessun squadra di livello in Serie A e Premiership.
Quella di Roma, quindi, potrebbe essere una sfida davvero interessante per Mou.

Non la pensano così, però, i bookmakers inglesi. Secondo loro, infatti, il portoghese prenderà il posto di Sir Alex Ferguson quando il manager lascerà i Red Devils. Ipotesi non del tutto infondata, dal momento che allo Special One la Premier piace da sempre e la possibilità di una sfida così accattivante lo stuzzicherebbe non poco.

M-M-M: Montella-Mourinho-Mexes

Le voci sul futuro della panchina della Roma continuano a susseguirsi e proprio oggi si è parlato appunto, di una clamorosa ipotesi: Mourinho in giallorosso. Ma l’attuale tecnico giallorosso Vincenzo Montella, che ha già risposto in passato con aplomb su un eventuale approdo di Ancelotti nella Capitale, non si scompone: “L’ho detto dal primo giorno, a me non turbano le voci di possibili o ipotetici allenatori. Mourinho, la sua storia parla da sola, è un grande tecnico. Ma da qui a quando finirà la stagione ce ne saranno altri. Sinceramente, non mi turba”. Altro caso spinoso è quello relativo a Philippe Mexes, in scadenza di contratto a giugno e accostato con sempre maggiore insistenza al Milan: “Non credo che queste voci possano turbare il giocatore, perché quando si va in campo si va per dare il massimo. Io valuto quello che fa in allenamento, quello che fa in campo e sono sicuro che per amor proprio un giocatore quando sa che poi lascia una squadra o potrebbe lasciare una squadra vorrebbe lasciare i migliori ricordi nella città. Mexes negli anni ha dimostrato di essere veramente attaccato alla maglia, l’anno scorso ha avuto anche proposte importanti e ha deciso di rimanere con questa maglia”.

Secondo Il Romanista, Mexes non ha firmato alcun contratto con il Milan. L’unico pensiero nella testa del francese riguarda le intenzioni che avranno gli americani e lo ha detto: “Se voglio sapere chi sarà il nuovo proprietario? Sì, ma se dico sì o no non è importante. C’è ancora tempo. Per me ci sono cose più importanti, ora penso alla Roma. A Roma sto bene, ho la coscienza tranquilla. E sì, mi sento un tifoso romanista. Sono 7 anni che sto qua”. Non ci sarebbero altre novità a riguardo anche se Unicredit ha concesso la libertà alla dirigenza per il rinnovo del contratto. Il fatto che un giocatore del suo livello sia voluto da molte squadre di grosso calibro, come il Milan, è del tutto normale.

Resta il fatto che Mou alla Roma appare proprio fantacalcio. Molto più probabile l’arrivo di Ancelotti o la conferma di Montella. Sognare comunque è lecito, per la grande Roma che tutti noi tifosi ci auguriamo.

%d bloggers like this: