Colpo di scena al processo di Avetrana: Michele Misseri si autoaccusa e il suo avvocato se ne va dall’aula

Pazzesco quello che è successo al Processo di Avetrana, per l’omicidio di Sarah Scazzi. Per l’ennesima volta Michele Misseri ha cambiato versione, tornando ad autoaccusarsi del delitto.

«Ho ucciso io Sarah, questo rimorso non lo posso più portare dentro di me». «Quindi a provocare la morte di Sarah è stato lei, lo sta dicendo davanti alla Corte d’Assise», ha ribattuto il legale: «Sì, sono stato io».

A questo punto il suo difensore, Armando Amendolito, ha rimesso il mandato lasciando l’aula esasperato. D’altronde è l’ennesima prova di inaffidabilità del principale teste/accusato (difficile scegliere l’opzione giusta). Così come sarà difficile giungere prima o poi a una conclusione certa su quello che accadde in quel maledetto pomeriggio.

Ora si riprenderà daccapo un’altra volta, con perizie e indagini per una vicenda che sembra non avere mai fine.

%d bloggers like this: