Punto tecnico Juventus. Una grinta da grande squadra. Commento e pagellone

La partita tra Juventus e Inter regala ai tifosi bianconeri una certezza; per grinta e carattere questa è veramente una grande squadra.

La vittoria nel derby d’Italia, sicuramente, è una vittoria che lascia qualche certezza in più al popolo juventino, che già aveva rilanciato le proprie speranze, dopo l’uno a tre di Cagliari, ma è anche una partita che lascia qualche perplessità sulla tenuta fisica, di una squadra, che ha finito il match in ginocchio, con un giocatore, Matri, in campo per onor di firma, e con molti suoi compagni che, spossati di fatica, ballavano come giunchi al vento, mentre un Inter più fresco, attaccava e graziava, in più occasioni, la truppa di Del Neri. Ma, ciò nonostante, il gruppo bianconero ha retto, grazie anche ad una compattezza interna che è sembrata superiore a quella del team neroazzurro.

loading...

Già dall’avvio del match si è capito che la Juve aveva interpretato al meglio la gara. Ranghi serrati e compatti, ed attaccanti sempre pronti a pungere; la Juventus in questo modo, ha annichilito l’attacco interista, ed ha incominciato a fare la partita, sfiorando il gol in un paio di occasioni, e trovandolo con Matri, sicuramente il migliore in campo. Una Juventus che ha convinto, quella schierata contro i neroazzurri, e, soprattutto, una Juventus in cui hanno convinto nuovamente i due nuovi acquisti, Matri, ma anche un Barzagli che è sembrato essere tornato ai livelli di quando indossava la maglia della nazionale, e che ha preso in mano la difesa bianconera, dando sicurezza ad un reparto, che, fino ad ora, aveva zoppicato e non poco.

Adesso i bianconeri sono chiamati ad un’altra prova difficile; quella di dare ulteriore continuità ad una serie di risultati positivi, su un campo ostico come quello di Lecce, di fronte ad una squadra che, seppur orfana di alcune pedine importanti come l’ex di turno Ruben Olivera, non vorrà certo andare in contro alla terza sconfitta di fila, e cercherà di regalare al pubblico amico, un’altra prova importate contro una grande, dopo essere già riuscita, in questo campionato, a togliere punti pesanti a Inter, Milan e Lazio. Insomma gli esami, per la truppa di Del Neri, non finiscono mai, ed i tifosi si aspettano di vedere, al “Via del Mare”, un gruppo animato dalla stessa grinta e dalla stessa volontà vista nel derby d’Italia.

Ma, come detto, una cosa che può preoccupare i tifosi è la tenuta fisica di questa squadra. Anche questa stagione, per la Juve, è stata condizionata da una sequela chilometrica d’infortuni ed acciacchi vari. Contro l’Inter si è visto come tanti giocatori stiano giocando, seppur non in grandi condizioni; si è visto come Marchisio non sia riuscito a tenere i 90 minuti, dopo aver recuperato in extremis, e così anche Felipe Melo, che non è al meglio da alcune settimane, si è notato come Krasic sia in difficoltà fisica dopo un anno e più senza fermarsi mai, tra CSKA Mosca, Serbia e Juventus, e si è anche constatato di come Iaquinta, all’ennesimo rientro da un infortunio, non sia riuscito a dare alla squadra un contributo importate. Insomma, le ferite di una Juventus orgogliosa, potrebbero annullare tutto quello che di bello è stato fatto in queste ultime partite e riportare in acque torbide una squadra che, da qualche anno a questa parte, sta giocando i suoi campionati più in sale ospedaliere che su verdi campi di gioco.

PAGELLONE DI GAMEFOX

Buffon 6,5 Non tanto impegnato, ma sempre attento, bravo ad opporsi ad Eto’o.

Sorensen 6,5 Bene in fase difensiva, sforna un cross al bacio per Matri.

Bonucci 6 Non commette errori, ma ogni tanto non sembra essere puntualissimo ad arginare i lanci di Sneijder.

Barzagli 6,5 Ottima partita, sicuro e puntuale,

Chiellini 6 Ha un cliente scomodo come Maicon che ogni tanto lo mette in difficoltà, ma se la cava.

Krasic 5,5 in difficoltà fisica; incide poco.

Felipe Melo 6 tanti palloni recuperati, ma anche tanti errori in fase di disimpegno. Esce con i crampi.

Aquilani 6 Non fa sfaceli, ma da qualità a centrocampo.

Marchisio 6,5 Un infortunio che rischiava di lasciarlo a casa, lui gioca una partita di sostanza, ma nel finale deve alzare bandiera bianca ed abbandonare il campo, e la Juve ne risente.

Toni 6 Lodevole per come si sacrifichi e si impegni per il gruppo.

Matri 7 Oltre al gol, là davanti fa buone cose, ha le occasioni per aumentare il suo bottino, ma non vi riesce, per colpa della sfortuna e di un pizzico d’imprecisione. Stoico nel finale, rimane in campo menomate, ma si batte come un leone.

Iaquinta 5,5 Pessimo impatto con la gara; si può notare come non sia ancora in condizione.

Pepe 6 Nei minuti finali, corre tanto, cercando di sfruttare la sua freschezza.

Sissoko 6 Eccellente ingresso in campo; è prezioso nel recuperare tanti palloni sanguinosi. Mezzo voto in meno per il cartellino giallo che si becca.

Del Neri 6,5 La sua aquadra convince. Lascia qualche perplessità nella gestione dei cambi.

loading...