Salto con gli sci: Germania e Polonia accompagnano sul podio gli imbattibili austriaci

Inizia da , in Assia, il minicircuito del Team Tour, che fino a domenica prossima prevede tre gare individuali e due a squadre in territorio tedesco, con ricco montepremi finale.

Facile prevedere che l’ farà la parte del leone, come è successo oggi, in un concorso a squadre vinto senza patemi d’animo, spinta da un Morgenstern sovrano e da un Koch in giornata di grazia. Uno Schlierenzauer di buon livello e un Kofler che ha mascherato qualche problema hanno garantito un successo con quasi 50 punti di vantaggio sulla Germania, che ha potuto contare su un Severin Freund in grande spolvero e su un Michael Neumayer che al momento opportuno ha saputo superarsi per permettere l’aggancio ai polacchi che sembravano avviati verso il secondo posto.
Proprio la Polonia ha rappresentato la sorpresa della gara; se sullo stato di grazia di Stoch non c’erano dubbi, decisiva è stata la prestazione di Hula, presunto anello debole, che con due salti oltre i 130 metri ha contagiato di entusiasmo i compagni di squadra. Discreta prova di Zyla e coraggioso rientro dell’ammaccato , non certo al massimo della condizione, ma utilissimo per racimolare i punti che hanno estromesso dal podio i norvegesi, che hanno pagato l’errore di stacco di Evensen nella prima manche.
Malysz, che qualche giorno fa in un’intervista di mercoledì scorso dichiarava di sentire male un po’ dappertutto (mani, ginocchia, petto) ma aveva deciso di rientrare per scacciare la paura del dopo caduta, sarà in gara anche domani nella gara individuale, a cui parteciperanno ben 3 italiani: Colloredo, Morassi e l’ex combinatista Bresadola.
Italiani che, insieme a Diego Dellasega, si sono piazzati quest’oggi al nono posto superando la squadra russa.

loading...

Classifica
Team Event – Willingen, 29 gennaio 2011
1 AUSTRIA 1071.8
2 GERMANY 1025.1
3 POLAND 1015.7
4 NORWAY 1010.9
5 FINLAND 954.5
6 JAPAN 954.4
7 SLOVENIA 941.9
8 CZECH REPUBLIC 869.8
9 ITALY 395.0
10 RUSSIAN FEDERATION 372.0

loading...

Comments

comments

Facebook