Biathlon: Martin Fourcade e le russe al primo meritato successo; l’azzurro Windisch in testa fino a 3 km. dall’arrivo

Giornata indimenticabile ad - con due gare ricolme di emozioni in uno scenario straordinario baciato dal sole.

Si comincia con la staffetta femminile 4×6 km.; al primo appuntamento col tiro il gruppo quasi compatto subisce un primo scossone con la fuga della francese Dorin, velocissima a centrare i 5 bersagli; la inseguono Svezia, Polonia e Russia, mentre peggio non potrebbe cominciare la prova per la tedesca Buchholz: 5 errori e 2 giri di penalità, 19° posto su 20 squadre a 1’11”.
Nella seconda serie di tiri qualche problema per la francia che si fa superare da Svezia e Russia; subito dietro l’Italia, con Michela Ponza. La Germania si riprende e passa 16° a 1’05”.
Dorin e la russa Sleptsova lasciano sul posto la svedese Jonsson e cambiano con 14 secondi su di lei; a 18 secondi l’ottima Ponza, mentre la Norvegia è 8° e la Germania perde altri 30″.

loading...

Seconda frazione con il forcing della bielorussa Domraceva, che insegue insieme alla Svezia le prime due; al tiro bene la russa Bogalij, disastro per la francese Bescond: 2 giri e tonfo all’11° posto. L’Italia è addirittura seconda con Oberhofer, a precedere Bielorussia e Polonia. Germania a 1’23”.
Al tiro in piedi quasi tutte hanno problemi, così la Russia malgrado due cartucce di riserva riesce a guadagnare e ad andare via con 31 secondi su Italia e Bielorussia, 35 sulla Norvegia, poi Polonia e Svezia. Germania e Francia rientrano nella top 10.
Al cambio di metà gara Russia avanti di 21 secondi sulla Norvegia, che recupera grazie a Flatland; Bielorussia terza sull’Italia, Germania nona a 1’33”.

Terza frazione con la russa Guseva che pattina con un buon ritmo e tira senza sbagliare, imitata dalle due inseguitrici; due cartucce di riserva per l’azzurra Fiandino, che si fa superare dalla Svezia. La Germania recupera al 7° posto con Gössner.
Ancora la seconda serie di tiri opera un’importante selezione: Russia e Norvegia se la cavano con un 5 su 7, la Bielorussia con 5 su 8, la Svezia impiega solo una cartuccia di riserva; fanno peggio Italia (1 giro di penalità) e ancora Germania e Francia (2 giri a testa). Guseva ha ora 34 secondi sulla svedese Nilsson e 40 sulla giovane bielorussa (ex russa) Pisareva. Negli ultimi 2 km. Svezia in rimonta e distacco ridotto a soli 20 secondi; bielorusse e norvegesi a quasi un minuto, Germania nonostante tutto 5° a 1’53”.

Nell’ultima frazione la russa Zaitseva porta il margine a 32 secondi dopo solo 1 km.
Al primo tiro Russia perfetta, un errore per la Svezia che passa a 43″, quindi la sorpresa negativa: la norvegese Berger, vincitrice nelle ultime 3 gare individuali, fa 2 su 8 e deve compiere 3 giri di penalità; la Germania con Henkel passa così terza su Bielorussia e Kazakhstan.
Zaitseva non ha nessun problema e fa 5 su 5 anche all’ultimo tiro; vittoria in tasca. La svedese Ekholm è altrettanto brava e assicura l’argento al suo team. Più incertezza per il terzo posto: Henkel soffre ed evita per un pelo i giri di penalità, facendosi quasi riprendere dalla più lenta bielorussa Kalincik. Riappare l’Italia con Katia Haller che non sbaglia e si inserisce quinta, lasciando Berger nell’incubo di altri 2 giri.
Non cambiano le posizioni negli ultimi 2 km. e la Russia può così riscattare le prime due infelici staffette stagionali; la Svezia prende la testa della classifica di specialità e la Germania riesce ad andare sul podio con 4 giri di penalità.
Bravissime le italiane con un quinto posto che è il massimo a cui si poteva aspirare.

Classifica 4×6 km. femminile
Antholz, 22 gennaio 2011
HALLER Katja 0+0 0+0
6 NORWAY 3+7 3+7 +3:46.1
SOLEMDAL Synnoeve 0+3 0+0
FLATLAND Ann Kristin Aafedt 0+1 0+1
HORN Fanny Welle-Strand 0+0 1+3
BERGER Tora 3+3 2+3
7 KAZAKHSTAN 0+0 0+6 +3:49.4
LEBEDEVA Marina 0+0 0+2
MOZHEVITINA Inna 0+0 0+1
POLTORANINA Olga 0+0 0+1
LEBEDEVA Anna 0+0 0+2
8 UKRAINE 1+6 1+7 +3:50.5
PIDHRUSHNA Olena 0+1 0+2
SEMERENKO Vita 1+3 1+3
KHVOSTENKO Oksana 0+1 0+1
SEMERENKO Valj 0+1 0+1
9 POLAND 0+4 0+8 +3:58.8
CYL Agnieszka 0+0 0+2
NOWAKOWSKA-ZIEMNIAK Weronika 0+1 0+1
GWIZDON Magdalena 0+3 0+3
BOBAK Paulina 0+0 0+2
10 FINLAND 0+3 0+6 +4:09.1
LAUKKANEN Mari 0+2 0+3
REPO Sarianna 0+0 0+1
TOIVANEN Laura 0+1 0+2
MÄKÄRÄINEN Kaisa 0+0 0+0

Classifica staffetta (3 prove su 4)
1 SWEDEN SWE 152
2 GERMANY GER 146
3 RUSSIA RUS 143
4 UKRAINE UKR 131
5 BELARUS BLR 127
6 FRANCE FRA 123
7 NORWAY NOR 120
8 ITALY ITA 104
9 POLAND POL 102
10 KAZAKHSTAN KAZ 95

Il meglio del programma arriva per ultimo, con la 15 km. maschile . Al via tutti i migliori col rientro di Bjørndalen e Ustjugov e grande tensione in partenza (c’è perfino una falsa).
Ferry, e Svendsen nelle prime posizioni senza forzare e lo stadio esplode quando i 30 protagonisti arrivano insieme al poligono.
Il primo a uscire è Bjørndalen sul ceco Slesingr e Fourcade; solo 12 non sbagliano, tra cui l’italiano .
1 giro di penalità per De Lorenzi, Hofer e Svendsen tra gli altri.
Fourcade si porta in testa al gruppo a precedere Slesingr e Bø; tutti e tre riescono a centrare anche i successivi 5 bersagli ma più veloci di loro al tiro sono il tedesco Peiffer e l’austriaco Mesotitsch. Si forma un gruppo di 9 atleti, dove oltre ai 5 già citati figurano Windisch, gli svedesi Ferry e Lindström e il tedesco Greis.
A 20 secondi insegue Svendsen seguito da Bjørndalen.
Terza serie di tiri con sorprese: dei 9 di testa gli unici a non sbagliare sono Windisch e Slesingr; un italiano, per di più originario del posto, in testa! All’inseguimento si portano Ferry e Fourcade, che raggiungono la coppia di testa all’11° chilometro.
Ultima visita al poligono con Windisch che si mantiene in testa e va a occupare la prima corsia; la tensione cattura però l’azzurro che non trova la mira e inizia a sparare, sbagliando, con 2-3 colpi di ritardo sui rivali. Fourcade fa l’en plein e se ne va, Windisch si riconcentra ma sbaglia in tutto 3 volte e lascia le speranze di podio; Ferry cerca di rispondere a Fourcade ma sbaglia l’ultimo tiro; Slesingr imita Windisch, 3 giri. Recuperano così Mesotitsch e il vincitore di giovedì Shipulin, che superano Ferry e iniziano la lotta per il secondo posto.
Ultimo giro con Fourcade che accelera ancora e si gode la soddisfazione immensa della prima vittoria stagionale dopo ben 5 piazzamenti sul podio
Ferry non si dà per vinto e recupera su Mesotitsch e Shipulin; è una lotta senza sconti, che vede in fuga prima il russo, poi l’austriaco che ha sci velocissimi in discesa, quindi arriva lo scatto di Ferry, sul quale cede Mesotitsch. Shipulin riaggancia lo svedese e i due vanno alla volata, dove Ferry la spunta di misura. Che emozioni!
Norvegesi ancora indietro, con Svendsen ora a soli 6 punti da Bø.

Domani ruoli invertiti, sarà staffetta per gli uomini e mass start per le donne; chi avrà ancora le forze per imporsi dopo 3 giorni così intensi?

Classifica 15 km. mass start maschile
1 FOURCADE Martin FRA 0+0+1+0 35.33.4
2 FERRY Björn SWE 0+0+1+1 +17.2
3 SHIPULIN Anton RUS 1+1+0+0 +17.6
4 MESOTITSCH Daniel AUT 0+0+1+0 +21.4
5 PEIFFER Arnd GER 0+0+1+1 +38.7
6 GREIS Michael GER 0+0+2+1 +48.5
7 BJOERNDALEN Ole Einar NOR 0+1+1+1 +54.7
8 EDER Simon AUT 1+0+0+1 +1:15.3
9 SVENDSEN Emil Hegle NOR 1+0+2+2 +1:20.1
10 JAY Vincent FRA 0+0+2+0 +1:21.0
11 SLESINGR Michal CZE 0+0+0+3 +1:22.8
12 TCHEREZOV Ivan RUS 1+0+1+2 +1:26.6
13 SEDNEV Serguei UKR 1+1+1+1 +1:28.9
14 WINDISCH Markus ITA 0+0+0+3 +1:29.5
15 BOE Tarjei NOR 0+0+2+2 +1:30.3
16 SUMANN Christoph AUT 1+2+0+2 +1:30.4
17 SIKORA Tomasz POL 1+1+1+0 +1:31.2
18 BERGMAN Carl Johan SWE 1+1+2+1 +1:45.8
19 HOFER Lukas ITA 3+1+1+1 +1:46.7
20 BOEUF Alexis FRA 2+1+0+1 +1:50.2
21 DE LORENZI Christian ITA 1+1+0+2 +1:50.5
22 BAILEY Lowell USA 0+2+1+2 +1:59.4
23 LINDSTRÖM Fredrik SWE 0+0+2+3 +2:16.2
24 FAK Jakov SLO 3+0+1+1 +2:22.7
24 GARANICHEV Evgeniy RUS 2+0+0+3 +2:22.7
26 ANEV Krasimir BUL 1+0+1+1 +2:26.5
27 STEPHAN Christoph GER 1+1+1+3 +2:50.5
28 USTYUGOV Evgeny RUS 1+0+2+2 +3:05.9
29 BERGER Lars NOR 3+0+2+1 +3:21.3
30 TCHOUDOV Maxim RUS 1+1+2+4 +4:00.3

Coppa del mondo
1 BOE Tarjei NOR 598
2 SVENDSEN Emil Hegle NOR 592
3 GREIS Michael GER 485
4 FOURCADE Martin FRA 477
5 BJOERNDALEN Ole Einar NOR 398
6 PEIFFER Arnd GER 372
7 FERRY Björn SWE 369
8 TCHEREZOV Ivan RUS 360
9 EDER Simon AUT 356
10 SHIPULIN Anton RUS 334

Coppa mass start
1 FOURCADE Martin FRA 103
2 BOE Tarjei NOR 86
3 SVENDSEN Emil Hegle NOR 86
4 FERRY Björn SWE 85
5 GREIS Michael GER 78
6 TCHEREZOV Ivan RUS 77
7 PEIFFER Arnd GER 69
8 MESOTITSCH Daniel AUT 67
9 EDER Simon AUT 66
10 SLESINGR Michal CZE 64

loading...

Comments

comments

Facebook