Serie 2: rallentano i battistrada, lotta aperta in coda

Cari lettori di Gamefox,

il nostro ValerioNeo7 ormai non si ferma più! 🙂 Vorrà forse togliere lo scettro ad Umibozu di corrispondente della Oro? Preoccupatevi perchè è bravo!!!

loading...

Serie 2-1

A due giornate dalla fine ci si aspettava qualche moto di orgoglio da chi, in classifica, era costretto ad inseguire ancora l’obiettivo designato. I vari protagonisti non hanno deluso le attese. Nel primo girone della 2-1 è arrivata la conferma della Valle del Lura, che blinda il suo secondo posto nella generale con 12 punti. La vittoria è arrivata al termina di una lotta combattuta, ma quasi mai in discussione, con il Genoa Athletic Club. La squadra di Edobianchi ha però ceduto il passo all’avversario soltanto nella velocità e nel fondo ed in ognuna di queste specialità è però arrivato sempre vicino all’avversario. Cosi facendo, la compagine lombarda ha allungato in classifica sugli inseguitori ed in particolare su Shamrock, terzo di giornata. Come detto in precedenza, alle spalle della Valle del Lura si è piazzata la squadra di Grifone, quasi obbligato a forzare per tirarsi via dalla zona retrocessione. Il team ligure ha lottato ad armi pari con chi ha vinto il girone, dimostrando sia di meritare un’altra stagione di permanenza in serie 2, sia di avere la sotto controllo la situazione generale all’interno della serie. I 10 punti sono stati pagati però con diversi atteggiamenti normali e alti che hanno portato la forma media della squadra sotto i 15, pertanto Grifone dovrà ora trovare il miglior connubio fra atteggiamenti da usare e punti da guadagnare nella prossime giornate. Al terzo posto si è classificato il padrone di casa che non ha voluto deludere i 25 mila spettatori accorsi allo stadio. La squadra di Gunny5 è riuscita a spuntarla sull’Atletica Modica e a far la differenza sono stati i mezzofondisti e le staffette della Shamrock, un gradino sopra a quelle dell’avversario. Gli 8 punti conquistati permettono a Gunny di credere ancora nella promozione anche se adesso quest’ultima dista almeno 7 lunghezze da lui. Cosi come il Genoa Athletic Club, anche l’Atletica Modica era chiamata ad una buona prova per mettere punti fra se e la zona che scotta. L’ impresa di Orcomeno riesce a metà dato che i punti conquistati sono stati solamente sei. I marciatori e i saltatori siciliano questa volta non sono riusciti a mettere in cascina i punti utili alla squadra per posizionarsi più in alto, pertanto l’ Atletica Modica non è andata oltre il quarto posto. In ogni caso, le sei lunghezze permettono alla compagine siciliana di frapporre 4 lunghezze fra se e la zona rossa e la zona media è ancora a livelli accettabili e quindi pare ancora possibile, per la squadra di Orcomeno, l’obiettivo di raggiungere la salvezza. Il quinto posto di giornata è appannaggio dell’ A.S. Rapido che, grazie all’ottima prova dei propri staffettisti, riesce a far sua la personale sfida con santacecilia. La squadra di Arlem infatti è stata per gran parte della giornata in lotta aperta contro il team di Oroblu, che però ha dovuto alzare bandiera bianca proprio per le staffette, specialità in cui questa domenica è sembrata davvero impotente rispetto agli avversari. Come detto, le due squadra hanno vissuto un marasma di sorpassi che hanno visto portarsi avanti il santacecilia grazie velocisti, marciatori e saltatori mentre per l’ A.S. Rapido hanno fatto la parte del leoni i mezzofondisti, fondisti, lanciatori e, come detto, le staffette che hanno poi deciso lo scontro. A chiudere la classifica di giornata ci hanno pensato l’ A.S. Spartana e l’S.S. Crotone. L’ impressione è che entrambi i team hanno deciso di presentarsi allo Shamrock Stadium senza nessun tipo di velleità agonistica. I motivi però sono ben diversi dato che la squadra di Piotta sembra aver deciso, con 2 giornate di anticipo (e forse più), di lasciare la serie 2 italiana per ripartire da una serie inferiore con una squadra giovane e di belle speranze. La S.S. Crotone, che veniva da due vittorie consecutive, non voleva in nessun modo forzare la mano dato che, come aveva fatto intuire ad inizio stagione, l’obiettivo principale non era la promozione bensì una tranquilla salvezza. Con i 25 punti conquistati in 3 giornate, Crotone è sempre più vicino al suo target e sembra poterlo raggiungere quanto prima.

Nelle Terme di Caracalla, un’altra squadra che stava per insabbiarsi nella lotta retrocessione rispolvera i veri valori dei propri atleti per mettere in saccoccia 12 punti utili al morale e alla classifica. L’ A.U. Malignani infatti, dopo aver totalizzato 5 punti in 3 giornate, compie un notevole balzo in avanti nella generale attestandosi in undicesima posizione. Checo sa bene però che questa vittoria non lo mette al riparo da futuri attacchi degli inseguitori e pertanto dovrà valutare se attaccare o meno nelle prossime due giornate. Seconda piazza per la Nuova Atletica Varese che con l’ennesima buona prestazione dimostra quanto la squadra di Paul abbia meritato la scorsa promozione e quanto meriti un’altra stagione in serie 2. Per il manager lombardo adesso i punti in classifica sono 39, a 14 lunghezze dalla zona rossa: un distacco che sembra lasciare più che tranquillo Paul nel preparare già da ora il canovaccio della stagione 26. Il gradino della classifica generale sopra la Nuova Atletica Varese è occupata dalla 4pini, che quest’oggi porta a casa 8 punti. Il risultato, considerato in maniera isolata, potrebbe soddisfare molti manager qui su MT. Se invece proviamo a contestualizzare le otto lunghezze messe in tasca dai 4pini, vediamo come il manager laziale ora dovrà probabilmente abbandonare il sogno promozione. Il padrone di casa, primo in classifica generale, decide di far rifiatare i propri portacolori e grazie allo strapotere dei propri velocisti, riesce a piazzarsi in quarta posizione di giornata e a battere la concorrenza dell’ Atletico Panzetta. Per Gianpino arriva il primo passo falso di una stagione finora impeccabile. Di certo, la Campidoglio Palatino decide bene di non forzare la mano anche a questo giro e nonostante tutto riesce a conquistare 6 punti che gli permettono ora di dover conquistare soltanto 7 punti in 2 giornate per avere in mano la promozione matematica. Come detto, l’ Atletico Panzetta ha dovuto rincorrere per tutta la domenica la squadra di Gianpino dati i 20 punti di distacco subiti nella velocità. Il buon Dampyr72 ce l’ha messa tutta ma non è riuscito nell’impresa e si è dovuto accontentare dei 4 punti che gli fanno perdere, probabilmente del tutto, il treno promozione.

La locomotiva che invece parte per la salvezza ha ancora attaccata a se il vagone “Fenice”, che pur portando a casa soli 3 punti, rimane fuori dalla zona rossa soltanto grazie alla differenza punti gara. La squadra di Malix ha guadagnato le 2 lughezze che lo separavano da Puffolandia prima di questo appuntamento ed ora è riuscito a sopravanzarla. Nelle ultime 2 domeniche di gara verranno decise le sorti di entrambi. Penultima di giornata e sempre ultima in classifica generale, Ringhiosa continua nella sua marcia low cost che la porterà alla probabile retrocessione fra due settimane. Nella sesta giornata di gare è riuscita a metter dietro, senza molte difficoltà, Puffolandia che dopo 3 settimane molto dispendiose dal punto di vista della forma, stavolta tira i remi in barca e si lascia trasportare alla deriva del girone, chiudendolo con una manciata di punti.

Serie 2-2

Nel “Lorenzo Bertolotti BRS” arriva il primo moto d’ orgoglio dell’ A.S. Viva l’Atletica, che non volendo ritrovarsi impantanato nella zona retrocessione, decide di forzare gli atteggiamenti e guadagnare 12 punti. Pertanto anche nella serie 2-2 è arrivata la prima “sconfitta” per la capolista che però ha provato fino in fondo a lottare per la prima piazza. La squadra di Atletica è parsa però più in palla e grazie alla meritata vittoria adesso si ritrova a metà classifica con un piede in serie 2. Alle sue spalle è arrivata la Mens Sana, che con i 10 punti conquistati fortifica la propria leadership in testa al gruppo, dato che l’inseguitore più vicino ha conquistato meno punti di lui. Terzo posto per l’ Atletica Desio, che mette quasi in cassaforte la permanenza nel secondo livello italiano di NL. Nonostante infatti la matematica non abbia proclamato quasi nessun verdetto se non i più scontati, la squadra di Simo86 ha 15 lunghezze sulla quartultima piazza e pertanto dovrà conquistare 9 punti in due appuntamenti per essere certo della salvezza anche se è più probabile che ne bastino ancora meno. Al quarto posto si classifica l’ Atletica MS che continua ad alimentare i sogni di gloria con questi 6 punti e una forma media che può permettere di forzare ancora una volta la mano nelle prossime giornate. Durante questa domenica Sergio non ha potuto nulla contro chi lo precedeva in classifica ma, sopratutto, nessuno degli inseguitori è riuscito a portargli un attacco serio per scarlzarlo dall’importante quarta posizione, con la quale adesso il manager pugliese rimane ancora in zona retrocessione, ma con qualche chance in più rispetto ad altri data la prossima giornata che lo vedrà impegnato nel girone con più scontri diretti possibili. Alle spalle dell’ Atletica MS si è classificata l’ Atletica Corti e Veloci, che riesce a portare a casa 4 punti utili agli obiettivi del patron Niklaus. Quest’ultimo è al momento in una zona di classifica di relativa tranquillità anche se nella prossima giornata si ritroverà nella bagarre del gironcino con le squadre di alto rango e pertanto vedremo se il manager veneto riuscirà a mantenere la piazza attuale o in che modo questa cambierà. Chiudono la classifica del girone la Santa Monica e la Società Atletica Nervesa. La squadra di Rukawa, reduce da un terzo posto della scorsa settimana, non riesce a ripetere le buone prestazioni di sette giorni fa e si accontenta di un sesto posto che comunque non rovina del tutto i piani salvezza. Santa Monica però, come l’ Atletica Corti e Veloci, dovrà vedersela fra qualche giorno con squadre del calibro di Mens Sana, Italian Vampires e Upol Gavirate che essendo impegnate nella lotta promozione, difficilmente porteranno i propri atleti in NL senza obiettivi altolocati. Vedremo come Rukawa vorrà affrontare una delle domeniche cruciali per il suo cammino in National League. Come detto, l’ultimo posto fra i partecipanti è andato a Kloo, che comunque guadagna 2 punti dato che l’ottava società invitata questa domenica era la Cramelan, che da tre settimane diserta il campionato maxithloniano. Il manager abruzzese ha ormai iniziato una vera e propria rifondazione, abbassando l’età media della compagine e, parallelamente, la competitività della stessa. Con questi dati alla mano, non ci resta che augurare a Kloo un grande in bocca al lupo nel suo processo di crescita dei giovani che sta per intraprendere.

L’ultimo girone di cui ci accingiamo a parlare presenta forse la più grande sorpresa dell’intera Serie 2 descritta finora. L’ Upol Gavirate, fino a una settimana fa la seconda forza della 2-2, decide di non presentarsi nell’impianto “Il Nano” di Fabio_Cap gettando probabilmente alle ortiche le proprie possibilità di promozione. Alla squadra di Jack208 infatti bastava arrivare terzo quest’oggi quantomeno per confermarsi al secondo posto. Ma se l’Upol fosse arriva o prima o seconda di giornata avrebbe sicuramente rafforzato la seconda piazza in classifica generale per affrontare le ultime due settimane con più tranquillità. La squadra lombarda invece diserta, rilanciando le ambizioni di tutti quei team che si trovavano dietro e che adesso, aiutati dal “fato”, vengono catapultati in una lotta che durerà 14 giorni e che potrebbe consegnargli le porte della Serie Oro. Il gironcino viene vinto dai Pasticciotti, che tagliano il traguardo per primi senza particolari contrapposizioni degli avversari e vincono infatti di ben 34 lunghezze sull’inseguitore più vicino. La squadra pugliese con questa dozzina di punti si porta quindi a ridosso della zona promozione e, forte di una forma media ad oggi superiore ai 17, potrebbe davvero tentare il colpaccio. Un’altra squadra che ringrazia di cuore l’assenza della Upol Gavirate è sicuramente la Lokomotiv Cinecittà, che arriva alle spalle di Shark, guadagna quindi 10 punti e si porta a 54 lunghezze nella classifica generale, a soli 2 punti dalla promozione diretta. Per la squadra di Tsunami non è stato però tutto semplice dato che ha lottato fino all’ultima gara con l’Italian Vampires per mantenere la seconda piazza. Il manager laziale dovrà ringraziare caldamente i propri saltatori, capaci di regolare pesantemente i colleghi della società calabra e portando quindi a casa quelle lunghezze che in fondo hanno permesso alla Lokomotiv di spuntarla. Per la squadra di Capitano invece sono tanti i rimpianti dato che quasi tutto il team aveva lottato alla pari con l’avversario e anzi in alcune discipline, lo strapotere dei vampiri è sembrato evidente. I rimpianti derivano anche dal fatto che adesso la società si trova dietro il battistrada nella classifica generale e un eventuale secondo posto di giornata gli avrebbe consentito di poter gestire 2 punti in più di vantaggio sugli inseguitori. Al momento invece l’Italian Vampires è a pari punti con i Pasticciotti e li sopravanza soltanto grazie ai punti gara. Quarto posto per i padroni di casa della Fusoloppet, che nel confronto diretto con chi è finito davanti, paga la poca forza della propria squadra maschile, che se avesse gareggiato da sola sarebbe finita soltanto in penultima posizione. Le ragazze della Fusoloppet invece riescono a colmare parzialmente il gap dei ragazzi e permettono a Fabio_Cap di conquistare 6 punti importantissimi in ottica salvezza dato che adesso la società emiliana occupa la decima piazza della classifica generale a 3 lunghezze dalla retrocessione. Al quinto posto, dopo una lotta durata lungo tutte le 48 gare della domenica con Orda Anomala, la spunta l’ Olimpia, che regola la squadra siciliana grazie alla buona prova dei propri fondisti e dei lanciatori, capaci di rintuzzare tutti gli attacchi della squadra di Wilko. Il team di Arkantos, cosi facendo, tiene vive le speranze di permanenza in serie 2 nonostante un ruolino di marcia tuttaltro che accattivante. La squadra piemontese infatti non è mai riuscita a conquistare più di quattro punti e dovrà di certo alzare il tiro già dalla prossima domenica se vorrà rimanere un altro anno in questa serie. Orda Anomala invece, dopo il sesto posto di questa domenica, è chiamata all’impresa nelle restanti 2 tappe di National League dato che al momento si trova si fuori dalla zona rossa, ma soltanto grazie all’apporto dei punti gara e non per punti veri e propri che solitamente garantiscono più sicurezza. Wilko quindi dovrà dimostrare la sua bravura studiando a puntino i prossimi due appuntamenti per guadagnare quante più lunghezze possibili sugli avversari diretti. Al settimo posto (e quindi ultimo se si considera l’assenza della Upol Gavirate), chiude la classifica la Yato United, arrivata a questa domenica senza nessuna voglia di forzare e ciò è testimoniato dai risultati degli atleti di Yato, molti dei quali hanno chiuso la classifica di diverse specialità. A favore di Yato va sicuramente la situazione di classifica della propria squadra dato che quest’ultima è a ben 12 lunghezze dalla bagarre per la salvezza, un distacco che dovrebbe permettere al manager friulano di dormire sogni tranquilli.

loading...

Comments

comments

Facebook