Punto tecnico sulla Roma: la squadra di Ranieri vince e convince. Menez imprendibile, Borriello bomber di razza.

La Roma di Ranieri, priva di De Rossi, Pizarro, Perrotta, Taddei e con Mexes, Vucinic e Riise non al meglio in panchina vince la battaglia dell’Olimpico contro l’Udinese e continua la sua scalata verso la vetta della classifica.

La partita

loading...

Finisce con un perentorio 2-0 il primo anticipo della 13.ma giornata di serie A tra Roma e Udinese. I giallorossi vanno in vantaggio al 24′ grazie a un bellissimo gol di Menez. Il raddoppio arriva nella ripresa e lo firma Borriello dopo 11 minuti.

Primo tempo dove i portieri Julio Sergio e Handanovic non stanno sicuramente a guardare, sempre impegnti. Il portiere giallorosso salva il risultato prima su Floro Flores e poi sul solito Di Natale. Roma che risponde con Handanovic che dice “presente” sulla botta di Totti su calcio di punizione e sul Juan vicinissimo al gol.

Ma al 24′  Menez decide che è la sua serata e fa tutto da solo facendo alzare in piedi lo stadio: 1-0 e Udinese che, seppur messa benissimo in campo, è sotto di un gol. Il fantasista francese salta due uomini prima di entrare in area e piazzare il pallone alle spalle di Handanovic. Fantastico il gol di Menez che quando è in forma dimostra di essere uno dei più grandi di questo campionato. Qui potete trovare la perla di Menez.

La gara resta comunque viva, ci prova Capitan Totti su cucchiaio ma Handanovic para. Poi la reazione bianconera sempre con la premiata ditta Di Natale-Floro Flores che però non riescono a far male a Julio Sergio.

All’inizio della ripresa dentro Sanchez per l’Udinese, Guidolin prova a dar la giusta carica alla sua squadra ma i giallorossi sono ancora padroni del campo con Menez che fa il bello e il cattivo tempo.

E all’11 arriva il raddoppio Roma grazie a Borriello che difende bene il pallone e lo piazza alle spalle di Handanovic non esente da colpe nell’occasione.

Marco Borriello ha una delle medie-gol più alte di tutta la serie A. Otto reti stagionali in sedici partite (sei in dodici gare di campionato più due nelle quattro di Champions League) gli valgono una media realizzativa di mezzo gol a partita.

Al 25′ entra Adriano per Borriello, bella la reazione del pubblico giallorosso che incita l’Imperatore dimostrandogli tutto l’affetto che il popolo romano può dare.

L’Udinese però non molla e la difesa della Roma è troppo leggera. Specialmente quando Domizzi sfiora di testa nei pressi dell’area piccola e prima ancora quando lascia spazio all’iniziativa di Totò Di Natale.

Orsato, il direttore di gara, invece, perde la bussola quando un contatto in area bianconera tra Burdisso e Domizzi costa il rosso solo al primo. L’Udinese, a questo punto in superiorità numerica, ne approfitta e con Sanchez stampa la palla sul palo. Clamoroso poi l’errore di Denis che manca l’impatto col pallone da distanza ravvicinata. In pieno recupero poi non viene convalidato un gol regolare dello stesso Denis.

Finisce 2 a 0, Roma padrona del campo, buona la prestazione della squadra di Ranieri che sembra ormai essersi ripresa dalla semi crisi di inizio campionato.

Le pagelle

Roma (4-4-2): Julio Sergio 6; Cassetti 6, N. Burdisso 5, Juan 6,5, Castellini 6; Greco 6, Simplicio 5,5, Brighi 6; Menez 7,5 (62′ Baptista 6); Borriello 6,5 (70′ Adriano 6), Totti 6 (83′ Mexes sv). A disposizione: Lobont, Méxes, Cicinho, Pizarro, Vucinic, Adriano. All.: Ranieri 6,5

Il migliore: Menez.

Dopo partita

La squadra non era in crisi, stava passando un momento brutto e si è risollevata – ha detto Ranieri a fine gara – Scudetto? Sappiamo quello che dobbiamo fare e dove vogliamo arrivare. Adesso pensiamo al Palermo: sarà un’altra grande partita molto difficile“. Elogi per Menez: “E’ un diamante che piano piano si sta lucidando. Ha ancora ampi margini di miglioramento“.
La differenza l’ha fatta anche quel pizzico di fortuna che ci vuole sempre – ha proseguito Ranieri – Sapevamo che l’Udinese stava in una buona forma, come noi. Entrambe venivamo da un ciclo positivo e i primi minuti sono stati ad appannaggio dei friulani. Poi c’è stato il gran gol di Menez e abbiamo iniziato a fare la partita“. Prima del match contro il Palermo c’è però la sfida di martedì in Champions League contro il Bayern Monaco: “Con i tedeschi mi aspetto la Roma di oggi – ha concluso il tecnico giallorosso – con la voglia di vincere e confrontarsi con una squadra che ci ha battuto due a zero“.

Parla poi il mattatore della serata Jeremy Menez:Sono contento perché è il primo gol quest’anno in campionato, una vittoria importantissima. Mi sento molto bene e stasera ho giocato bene. Già da due mesi stiamo bene e stiamo lavorando bene. L’applauso dei tifosi? Mi ha fatto molto piacere. Io l’ho già detto, qui mi sento a casa mia, sto bene. Possiamo andare lontano ma possiamo fare ancora meglio. Anche io devo migliorare, su tutto. Ho campioni davanti a me, come Totti. Ogni giorno imparo da lui.” Poi un pensiero alla Nazionale “Se Blanc mi ha visto oggi? Speriamo”.

Chiudiamo lo spazio delle interviste con le parole di Adriano, che ieri è finalmente tornato in campo, augurandogli di poter tornare il campione che era: “L’ovazione ricevuta al mio ingresso in campo? Mi ha fatto molto piacere. I tifosi sono con me, lo sento. Il mio problema sono stati gli infortuni ma ora spero di tornare più presto possibile per dare soddisfazione a questo pubblico. quando tornerò Imperatore? Devo lavorare ancora molto per riprendere il ritmo partita, poi sarà il mister a decidere cosa fare”

Vigilia di coppa

Martedì sera c’è il Bayern Monaco. Ranieri spera di riavere a disposizione Daniele De Rossi, tornato ad allenarsi in gruppo dopo l’infortunio in Nazionale. Qualche dubbio in meno sulla presenza di Riise, che dovrebbe aver smaltito l’affaticamento muscolare. Quanto al ‘Pek’ Pizarro, ieri è rimasto in panchina per semplice turnover e in Champions League ci sarà. Seduta di scarico per chi ha giocato sabato. Arbitrerà lo spagnolo Alberto Undiano Mallenco.

Una vittoria sarebbe fondamentale per la squadra di Ranieri, partita non facile contro i vice-campioni d’Europa. Per ora godiamoci questa vittoria, canta Venditti: “Che c’è? Sognavo questa Roma e Roma c’è”

loading...