Inter-Milan, cosa ci aspetta?

Nonostante il grande match del sabato sera, Juventus-Roma, spicca ancor di più il derby della Madonnina, che pare anche un po’ il derby d’Italia. Ma cosa ci aspetta?  Naturalmente non possiamo prevederlo, ma possiamo delineare un po’ i punti più importanti, ossia ciò che potrà decidere il big match di Milano.

Il morale, importantissimo: il Milan viene da una striscia di risultati positivi in campionato quasi devastante, e ha sempre più fame di vittorie, attenzione, però, alla troppa sicurezza, mentre può giovare ai rossoneri un Ibra che vuole diventare sempre più decisivo. L’Inter è un po’ in crisi, sembra avere paura di vincere, ma paga anche le molte assenze; non a caso quando è entrato Stankovic a Lecce il match é cambiato, si é vista un’Inter più propositiva, e il ritorno al gol di Diego Milito.

loading...

Gli infortuni; un Milan che perde due pedine importantissime come Pato (problemi alla coscia sinistra, fuori 6 settimane circa) e Inzaghi (rottura del legamento crociato, fuori tutta la stagione) mentre i nerazzurri recuperano Snejder e Julio Cesar dal primo minuto, e Cambiasso che partirà probabilmente dalla panchina. Non vanno dimenticati le condizioni sempre migliori di Stankovic e Milito, che stanno tornando al 100%.

I singoli, perchè sono loro, alla fine, a decidere la partita; In sponda nerazzurra un devastante Eto’o, un Milito in recupero, un Lucio decisivo, un Obi che pare realmente bravo, ma anche grandi registi come Stankovic e Snejder. Nel Milan un Ibra in formissima, una difesa che pare più sicura, e un Robinho che ha ritrovato il Gol.

Gli allenatori, che devono trasmettere principalmente la carica. Benitez parla di svolta , e definisce la sua squadra forte e competitiva come il Milan, e invita a dimenticare Josè Mourinho, per concentrarsi sull’anno corrente.  Un Allegri spavaldo non firma per un pareggio, parla di entusiasmo e spera nel recupero di Pirlo.

Infine, ma non per minore importanza, le scelte dell’allenatore,  decisive. Per l’Inter pochi dubbi, rombo a centrocampo con Stankovic, Obi, Zanetti e Snejder dietro a Eto’o e Milito, in difesa Cordoba e Chivu sulle fasce e al centro Matrix e Lucio. Sulla sponda Rossonera stesso schema dei cugini, con il trio Gattuso Pirlo e Ambrosini a in un centrocampo tutto d’esperienza, e Seedorf dietro a Ibra insieme a Ronaldinho, che lotta con Robinho per un posto da titolare.

Insomma, che il Derby della Madonnina abbia inizio!

Giorgio Bordoli
loading...