Italia-Cuba 2-3 (25-16, 24-26, 25-21, 23-25, 22-24). Mondiali di volley in diretta live

Mercoledì mattina andrà in scena lo scontro decisivo Italia-Cuba; ultima partita della seconda fase dei campionati mondiali di pallavolo femminile in Giappone.

Siamo costretti a vincere concedendo pochissimo alle avversarie, sperando che il Brasile batta gli Usa. A quel punto si andrà al quoziente punti.

loading...

Appuntamento in diretta live su Game Fox dalle ore 10,30.

Ore 8.50. La vittoria del Brasile sugli USA 3-1 ci concede una speranza. Ora si gioca tutto sul quoziente punti (e non set, in cui saremmo comunque indietro). Dobbiamo accumulare 19 punti di vantaggio su Cuba, oltre a vincere: esempio: 25-18, 25-19, 25-19. Si può anche lasciare un set alle avversarie, ma in questo caso bisogna ottenere più punti di distacco in quelli vinti. Incrociamo le dita.

Ore 10.29. Un cordiale saluti a tutti i lettori di Game Fox. Siamo qui in trincea per questa partita decisiva, al via tra pochi minuti. Partiamo bene e ci portiamo subito sul 4-2: qui sotto il diagonale della Ortolani che ha regalato il terzo punto alle azzurre.

Momento difficile ora, andiamo sotto 6-8, ora 7-8. Ancora la Ortolani e recuperiamo la parità 10-10. Muro e servizio vincente, 12-10!!! E schiacciata della Piccinini, 13-10.

Siamo 21-15, ora 21-16. Dai che i punti contano. Ortolani 22! E due muri di fila, 23-24. E sìììì 25-16. Grande Italia!

Ora secondo i nostri calcoli, servono altri 10 punti di divario nei prossimi due set, ad esempio un doppio 25-20. Comincia bene anche il secondo set, siamo 2-0. Recupero cubano 2-2. Muro Sanchez, 3-4… Gioli 4-4. Del Core 5-4!

Ma tornano avanti le cubane 6-5. Ma ora ribaltiamo 7-6! Stiamo faticando terribilmente in questo secondo set, comunque andiamo al time-out avanti 8-7. Grandissima difesa, e 9-7, andiamo! Ma di nuovo doppietta delle nostre avversarie e 9-9… e 9-10, 9-11, passaggio a vuoto delle nostre. Che disastro questo parziale 0-4, ora siamo di nuovo in time-out. Ci mettiamo una pezza di muro, 10-11, ma siamo indietro. E pareggio 11-11! Andamento regolare fino al 13-13. Out la schiacciata cubana, 14-13, e 15 in battuta della Bosetti. Ma di nuovo 15-15, siamo troppo inconstanti contro una Cuba non trascendentale. Ora 16-15.

Subito 16-16 dopo il time out. Ma due gran punti per noi, uno di invasione e 18-16. 18-17, 19-17 non dobbiamo concedere puntiiii!!! Venti! Ma poi 20-18. 21-18 dai dai… 21-19. 22-19 ultimo sforzo non concediamo niente forza… 22-20, e 23 su battuta sbagliata. 23-21 e 23-22 andiamo male, Cuba difende bene. 24-22 e set point da chiudere subito. 24-23. Ebuttiamo via anche il secondo set point da non credere. Parità. 24-25… Abbiamo perso 24-26. Non ci credo. La situazione è disperata alla faccia della commentatrice Rai che continuava a dire che tutto va bene, dimostrando di non aver capito un accidente del regolamento.

Ora secondo i nostri calcoli dobbiamo vincere i prossimi due set con un divario di 12 punti complessivi (es. 25-19, 25-19). Non tutto è perduto ma bisogna partire fortissimo nel terzo set e staccare le cubane senza appello. Solo così possiamo giocare la quarta frazione con tranquillità e senza pensare ai punti.

Via al terzo e subito 1-0. e 2, le ragazze ci hanno ascoltato. 3-0! 3-2 Ramos e Palacio. 4-2 Righetti in schiacciata.

5-2, bene così. 5-3.E sono 6 grazie alla Piccinini, la solta trascinatrice. 6-4, 7-4, 7-5. 8-5 Del Core al time out. Tantissime occasioni sprecate e ora 8-6. 9-7 non va bene, dobbiamo scavare il divario o ci ritroveremo con 3 punti inutilissimi. 9-8…. Ortolani 10-8. Muroooo 11-8 daiii! 11-9, 12-9, 12-10, 12-11. E ora 12-12, le nostre come spesso accaduto in passato mostrano di essere fragili psicologicamente. 12-14 penso che sia finita, le nostre sono in preda alla delusione. Troppa la pressione psicologica data dal fatto di dover concedere poco. Recuperiamo due punti, ma poi 14-15. E nuova parità con Gioli. 16-15! Time-out. Ora l’ultimissima nostra chance è di non concedere più niente di niente e vincere con almeno 5 punti di distacco. Serve un parziale di 9-5. 18-18, poi grande Lo Bianco per il 19-18. E muro Righetti 20-18! 20-19, 21-19. 22-19 vitale!!! 22-20, 23-20 dobbiamo chiuderee! Sbagliamo la schiacciata, 23-21. 24-21 triplo set point. E 25-21 di muro!

Dobbiamo vincere 25-17, ultimo set senza appello. Subito 1-0, poi 1-1, 1-2. 2-2 Piccinini. E ancora lei, 3-2! Ma ora sbaglia ed è 3-3. 4-3, ma non può fare tutto Francesca. 4-4, 4-5 time out. 4-6, 4-7. Solo su battuta lunga guadagnamo il 5-7. Bel 6-7 Del Core, 6-8. 7-8 e finalmente 8-8 della Righetti. 8-9, 9-9 Ortolani. 9-10, 9-11 siamo alla disperazione. 10-11, 10-12, 10-13, 11-13 Francesca come al solito. 12-13, 12-14, 13-14 su battuta sbagliata cubana, 13-15, non stiamo più giocando. Demoralizzazione. 14-15, 14-16 time out. 15-16, 15-17, 16-17 siamo quasi fuori. 16-18. Siamo out, salvo improbabili miracoli nel tie-break. Peccato. Fase finale del set, siamo 23-23. Paradossalmente ci converrebbe perderlo per tantere il miracolo nel tie break, ma ovviamente questo sfugge ai fenomenali telecronisti Rai. Fortunatamente abbiamo perso senza volerlo.

Dobbiamo vincere 15-1. Impossibile? Be’, l’incredibile è che un secondo dopo che l’abbiamo scritto se n’è accorto anche il cronista Rai.

Per la cronaca siamo già sotto 2-1. Cerchiamo almeno di vincere per l’onore. Fase finale, siamo avanti 13-11. 13-13 e 14-13 set point. 14-14 e 15-14. 15-15,16-15 pallonetto Righetti, 16-16. E incredibilmente perdiamo contro le penultime in classifca, 22-24. Evidente che le nostre hanno mollato quando la qualificazione è sfumata. Toccherà il torneo per il 5° posto. Comunque un bel mondiale quello di Piccinini & co. Decisiva secondo me l’imprevedibile sconfitta 3-2 con le ceche (da 2-0 per noi) nella prima fase.

Continueremo a seguire le azzurre in diretta a partire dal prossimo incontro con la Serbia, cui diamo appuntamento a tuttii (tantissimi) lettori che ci hanno seguito in questa lunga maratona. Grazie e alla prossima!

loading...