Punto tecnico sulla Roma: i giallorossi vincono con il Lecce ma perdono il Capitano nel derby. Tutte le reazioni.

Arrivano notizie contrastanti dall’Olimpico di Roma dopo Roma-Lecce. Quella buona, per i tifosi giallorossi è la vittoria per 2 a 0 contro i salentini, quella cattiva sempre per i tifosi giallorossi è l’assenza di Capitan Totti nel Derby della Capitale, dovuta ad un’espulsione quantomeno dubbia. Ma andiamo con ordine.

La partita

loading...

Tre legni, due della Roma e uno del Lecce, e tante occasioni da gol da una parte e dall’altra: non c’è un attimo di tregua nel primo tempo. La partita è vivace, come poche se ne sono viste all’Olimpico negli ultimi tempi. Cominciano bene gli ospiti, con la traversa di Corvia al volo dal limite e la deviazione in angolo di Julio Sergio sempre su iniziativa dell’ex avvelenato che cerca in tutti i modi di far male alla Roma. La squadra di Ranieri s’accende con passare dei minuti: Borriello manda fuori di testa da ottima posizione poi un super Rosati salva su tiro di Totti e poi è la traversa che dice ‘no’all’attaccante partenopeo. Poco dopo Ancora protagonista il portiere dei giallorossi pugliesi, che spedisce sulla traversa un tentativo di Vucinic. Ma la Roma non è tranquilla e sbanda, rischiando di capitolare. Sul finire del tempo è Burdisso a salvare provvidenzialmente su un tiraccio di Corvia, con Julio Sergio fuori dai pali. E la Roma torna negli spogliatoi tra i fischi dei suoi tifosi.

L’inizio di ripresa è ancora del Lecce con Julio Sergio che respinge bene la conclusione di Piatti, poi il tap-in sottomisura di Di Michele non è preciso e il pallone si perde sul fondo. Ma la Roma sembra svegliarsi e al 17’ del secondo tempo, su cross di Riise, Burdisso riesce a trovare la deviazione vincente e a mettere il pallone di testa nell’angolino. Grande gol per il difensore argentino che scaccia cosi i fantasmi delle sue ultime non troppo convincenti prestazioni. Poi è ancora Roma, prima con Borriello che prende l’ennesimo legno della serata e poi con Vucinic che fallisce malamente una buona occasione da rete. Ma il montenegrino riesce a riscattarsi poco dopo, al 32’esimo raccoglie un pallone di De Rossi, entra in area e lo piazza alle spalle di Rosati. 2 a 0. Ma il 32’ è anche il momento dell’abbandono al derby per Francesco Totti, Capitano della Roma. Mentre Vucinic stava per entrare in area e chiudere la partita con il secondo gol per la squadra di Ranieri Olivera sgambetta a palla lontana Totti, che reagisce dando una spintarella di poco conto all’avversario. Sarebbe corretto ammonirli entrambi invece L’arbitro Gervasoni li caccia mostrando il cartellino rosso ai due giocatori. Il capitano probabilmente realizza in un secondo momento che salterà il derby e mentre esce dal campo è una furia travolgente. Cerca Oliveira e solo l’intervento di 6 persone riesce a fermare la rabbia di Francesco Totti. La partita si chiude cosi, 2 a 0, con il Lecce che prova fino al 90’ di riaprirla, inutilmente. La Roma vince ma non può gioire del tutto. Un buon Lecce torna a casa a mani vuote.

Caso Totti

In casa Roma è un coro unanime. Da Ranieri, al presidente Rosella Sensi, al ds Pradè: l’espulsione di Totti viene definita da tutti ‘esagerata‘. Il capitano giallorosso salterà dunque il derby di domenica prossima. Il club potrebbe decidere di fare ricorso contro la squalifica nel caso il giudice sportivo optasse per due o più giornate di stop (c’è l’aggravante della reazione all’uscita) La Roma è già pronta ad appellarsi contro una maxi-squalifica di Francesco Totti, espulso contro il Lecce per una reazione contro Olivera e quindi protagonista di una crisi di nervi all’uscita del campo. La teoria dei giallorossi è che l’interpretazione di Gervasoni sia stata troppo severa e che il gesto verso il leccese non sia stato violento: una lettura che comporterebbe l’indisponibilità di Totti solamente per il derby di domenica. Lo stesso centrocampista Olivera ha ridimensionato l’episodio. Sarebbe stata più giusta, l’ammonizione”, ha spiegato l’ex genoano. I tifosi presenti all’Olimpico hanno comunque voluto far sentire tutta la loro vicinanza al capitano intonando il coro: «Un capitano, c’è solo un capitano».

Il Derby per Francesco e per ogni romano rappresenta la partita della vita. L’occasione, oltretutto, per riscattare un inizio di stagione non proprio perfetto dove non sono mancate nemmeno critiche e polemiche nei suoi confronti. Ecco spiegata l’ira improvvisa che lo ha rapito verso l’uscita dal campo. Dopo aver accusato Gervasoni di “fare il fenomeno” ha cercato di regolare i conti con Olivera. Dirigenti e inservienti hanno provato a fermarlo, tra questi l’amico fedele, Vito Scala. La calma, fortunatamente, è tornata ben presto. Una doccia e il capitano si è intrattenuto a fine match con Corvia con cui ha scambiato anche la maglia di gioco. Un’espulsione ingiusta costa al Capitano giallorosso il Derby, ma siamo sicuri che Francesco dalla tribuna saprà dare lo stesso la giusta carica ai suoi compagni nello scontro contro la capolista.

Le pagelle

Roma (4-4-2): Julio Sergio 6,5; Cassetti 5,5 (1’st Cicinho 6), N.Burdisso 7, Juan 5, Riise 6; Perrotta 5,5 (14’st Simplicio 6), Brighi 6 (37’st Menez sv), De Rossi 6, Vucinic 7; Totti 5, Borriello 6. A disposizione: Lobont, G.Burdisso, Castellini, Okaka. All.: Ranieri 6,5

Dopo partita

Finisce il silenzio stampa in casa Roma, parlano Burdisso autore del gol, Vucinic e mister Ranieri.Vediamo prima le parole del nazionale argentino rilasciate a Sky: “”Oggi salvataggio su Corvia e gol? Nel primo caso sono stato fortunato perché lui ha calciato proprio dove ero io.E’ stata una buona gara in un periodo non positivo ma siamo stati bravi. Tutti dobbiamo ritrovare la gente con il gioco e i risultati e con la voglia che abbiamo messo oggi. Derby senza Totti? Ci mancherà molto. E’ il nostro simbolo. Dispiace tantissimo soprattutto per quello che dà in campo, ma non solo”.

Poi è il turno di Mirko Vucinic che commenta cosi l’assenza del Capitano nel Derby e il suo gol all’EX (amata) squadra:” Non ho festeggiato per la stanchezza, ho corso tantissimo in questa partita, ma non solo. Non avrei esultato ugualmente. Io mi sento leccese e segnare contro di loro non è mai un momento di allegria per me Quello che è successo a Totti ha rovinato la giornata. Mi dispiace per lui. Potete immaginare quanto ci mancherà contro la Lazio”.

Mister Ranieri prima su Totti:C’è stato un fallo di Olivera che si poteva evitare, ma credo che l’arbitro sia stato troppo severo. Sono d’accordo con quello che ha detto il presidente del Lecce, andava bene il cartellino giallo per entrambi, ma evidentemente per noi quest’anno non va bene con gli arbitri. Lo scatto di nervi di Totti si può spiegare con un senso di ingiustizia: subìsci fallo in quel momento in cui vorresti aiutare la squadra. E’ umano restarci mal” e poi sulla prestazione della sua Roma “Sono contento per i tre punti, non abbiamo incassato gol per la seconda gara consecutiva, sono contento per questi sette punti in tre partite, abbiamo commesso qualche ingenuità nel secondo tempo, siamo stati troppo precipitosi, ma la squadra ha lottato. Si potevano fare più gol, comunque è stata una partita positiva. Riusciremo a fare meglio. Siamo partiti con il piede sbagliato, stiamo lottando per uscire da questa situazione. Avete visto con che grinta hanno giocato i ragazzi?

Aspettando Basilea e il Derby

In casa Roma si attende il derby di domenica senza dimenticarsi della fondamentale sfida di mercoledi contro gli svizzeri del Basilea che potrebbe essere un punto fondamentale per il cammino in coppa Campioni della banda Ranieri. Se Mexes ha superato il lieve attacco febbrile, a tre giorni dalla decisiva trasferta europea di Basilea si ferma Cassetti che Ieri sera si è procurato una distorsione alla caviglia destra, è praticamente out per la sfida contro il Basilea. La situazione per gli altri infortunati non è delle più rosee: sia Adriano che Pizarro e Taddei non riusciranno a recuperare per la sfida decisiva.

Può essere la settimana della svolta per la Roma che con una vittoria in Champions e una in campionato contro la Lazio nel derby, può ridare la giusta carica e motivazione ai giallorossie rilanciarli su entrambi i fronti. L’esame di maturità è quasi alle porte, speriamo che la Roma risponda: presente!


loading...