Cassano-Garrone: Che insulti! La ricostruzione della lite.

Sarebbe stata una serie di insulti a far traboccare il vaso tra Cassano e il patron Garrone.  Secondo La Gazzetta dello Sport, sono stati proprio questi insulti a far chiedere alla Sampdoria la rescissione del contratto di Antonio Cassano.

Sempre la Gazzetta dello Sport ha ricostruito quanto accaduto quel giorno tra il barese e il numero uno del club blucerchiato, apostrofato da FantAntonio con epiteti vergognosi. In particolare Cassano avrebbe rivolto a Garrone una quantità innumerevole di insulti tra i quali ‘sonori vaffanculo’“.

loading...

All’origine della lite furiosa c’è la richiesta a Cassano di presenziare a un premio consegnato a Sestri Levante. Ecco, stando alla Gazzetta, lo scambio di frasi tra il barese e Garrone:

GARRONE
Vorrei venissi con me a Sestri Levante per il premio Rete d’argento. Basta che lo ritiri, puoi anche non fermarti a cena”

CASSANO
No. Io a Sestri non ci vengo. Perché? Perché no. Eh sì che vado a prendere un premio in quella m… di albergo”

GARRONE
“Ma chi ti credi di essere? Non dirmi che sto alzando la voce, con te non l’ho mai fatto e lo sai bene”. (Cassano si alza e se ne va sbattendo la porta con violenza)

CASSANO ANDANDOSENE
Fanculo. Vecchio di m… (insulti vari mentre torna nello spogliatoio). Vaff… bocch… Fighi de’ bocch…”

Il tutto passando davanti ad alcuni tifosi e ai compagni di squadra Pazzini, Lucchini, Marilungo, Pozzi e Dessena.

Sarà vero, sarà falso? Ai posteri l’ardua sentenza.

loading...

Comments

comments

Facebook