Campionati Mondiali Juniores: Gli Italiani dominano!

Il nostro dcariboni si è recato personalmente ai Mondiali Juniores! Ecco il suo resoconto!!

Ieri, 12 maggio si sono svolti i World Junior Championships nella “Sandoria Arena” di Take Easy: nello stadio di Ciche purtroppo non c’è una condizione atmosferica perfetta, bisogna accontentarsi di un “nuvoloso” non ottimale per le prestazioni.

Vediamo un breve riepilogo del medagliere per nazionalità dell’atleta: (solo prime cinque posizioni)

loading...

1° Italia 17-12-8 (37 medaglie complessive)

2° Brasile 5-1-1 (7)

3° Germania 4-4-6 (14)

4° Portogallo 3-3-5 (11)

5° Spagna 3-2-7 (12)

Gli atleti italiani hanno quindi dominato la scena cogliendo 37 medaglie delle 132 a disposizione, sicuramente sorprende la seconda posizione dal Brasile davanti a nazioni ben più popolose.

Il Brasile consta di 96 società complessive nel gioco, contro le 209 tedesche, le 165 portoghesi e le 636 della Spagna: proprio questi ultimi sono i veri sconfitti della manifestazione.

Ma come è andata per i manager italiani? In esclusiva GameFox pubblica la graduatoria delle prime cinque posizioni in assoluto a livello di società!

1° Hell’s Angels (Ger) 3-1-2 (6)

2° Atletico Bulls (Bra) 3-0-0 (3)

3° Entre Arena Y Espuma (Ita) 2-1-1 (4)

4° ASD Rubale (Ita) 2-0-2 (4)

5° Atletica FVG (Ita) 2-0-0 (2)

5° I Pasticciotti (Ita) 2-0-0 (2)

5° TurnitON (Por) 2-0-0 (2)

La migliore società in assoluto è quindi risultata essere la Hell’s Angels di Maxi, utente che milita nella serie Oro tedesca; la migliore società italiana è stata la Entre Arena Y Espuma di Sangriablanca, “solo” terza nella graduatoria generale per società.

Ma il medagliere per nazioni, che non considera la nazionalità dell’atleta, ma quella del manager come ci vede collocati? Ecco a voi in anteprima la classifica delle prime cinque posizioni:

1° Italia 18-18-13 (49)

2° Germania 5-5-8 (18)

3° Brasile 5-1-0 (6)

4° Spagna 4-2-5 (11)

5° Portogallo 3-1-5 (9)

Sostanzialmente questa classifica conferma la precedente, anzi, sono ben dodici in più le medaglie conquistate dai manager italiani rispetto a quelle degli atleti italiani. Il flop della Spagna viene confermato anche da questa seconda classifica, mentre resta ottima la prestazione dei manager brasiliani che conquistano sei delle sette medaglie conquistate dagli atleti brasiliani.

Sono ventinove le società italiane che hanno conquistato una medaglia a questi WJC:

Entre Arena Y Espuma ITA 2 1 1 4
ASD Rubale ITA 2 2 4
Atletica FVG ITA 2 2
I Pasticciotti ITA 2 2
Atletica Corti e Veloci ITA 1 1 1 3
Campidoglio Palatino ITA 1 1 2
Gp Flucc ITA 1 1 2
Lokomotiv Cinecittà ITA 1 1 2
Diavoli Rossi ITA 1 1
Grintor ITA 1 1
La Caldanese ITA 1 1
Rotten Athletic ITA 1 1
Small Track & Field ITA 1 1
Unione Sportiva Fermana ITA 1 1
Atletico Panzetta ITA 3 3
Ca Ossi ITA 3 3
Misogallia ITA 1 1 2
mallegniese ITA 1 1
Puffolandia ITA 1 1
Real Fratta ITA 1 1
Real Ippico ITA 1 1
Team Chiappetto ITA 1 1
The Wanderers ITA 1 1
San Varano ITA 2 2
A.C.S. Rotrox ITA 1 1
Genoa Athletic Club ITA 1 1
Killhope Atletica Longo ITA 1 1
Leprotti di Romagna ITA 1 1
Us Atletica Vedano ITA 1 1

Nonostante le condizioni atmosferiche non ottimali sono caduti alcuni World Junior Records.

Uomini.

Negli 800 metri l’italiano Davide Tavolieri della società Grintor (milita in quarta serie italiana) ferma il cronometro a 2.09.54, abbassando il record del mondo di 29 centesimi (il precedente record apparteneva al polacco Synowiec Albert).

Nella marcia 10 km è un altro italiano, Caslini Livio della società ASD Rubale a stabilire il record del mondo con la prestazione di 55.41.87. Pazzesco! Il record del mondo precedente del tedesco Graflich Hendrick è abbattuto di 14.02 secondi (in realtà sono 941 punti prestazione contro 931)!

Marzi Vincenzo di Unione Sportiva Fermana fa segnare il nuovo world record nel salto in lungo con la prestazione di 5.42 battendo il precedente record di cinque centimetri (apparteneva a Presor Silvio di Atletica Mc). Da segnalare che nella stessa gara, Grzybek Hubert fa segnare la prestazione di 5.39: per lui gli anni sono solo 16, e la prossima stagione potrà tentare di prendersi la rivincita con Marzi, togliendolo dall’albo dei recordman.

Nel Lancio del disco è il tedesco Figge Noah di Hell’s Angels con i suoi 26.37 ad abbattere il record precedente di otto centimetri che apparteneva al canadese Pettinger.

Donne.

Negli 800 l’australiana Carandini Emily di Antequera, con la prestazione di 2.26.55 abbassa di 27 centesimi il record del mondo jr che apparteneva a Giulia Scaglia della Fenice di Malix.

Nel Lancio del disco è Emilio Isidora di Athletico Bulls con 22.02 metri a polverizzare il precedente record che apparteneva alla Macie Isla di ASD Corri Corri di Atleticamaxi (21.41).

Nel Giavellotto la Amici Sonia di Campidoglio Palatino di Gianpino cancella con la misura di 40,99 il precedente record della Baekelandt Nele 39.54: un metro e 45 cm non è per nulla poco!

Complimenti a tutti i protagonisti di questi mondiali junior! Per i prossimi bisognerà attendere due stagioni!

loading...

Comments

comments

Facebook