Radio Gamefox citata dalla FISO. Introduzione allo sport dell’Orientamento

Ieri ha preso il via il nuovo programma di Radio Game Fox dedicato all’Orienteering, o sport d’orientamento, una disciplina giovane ma in forte crescita nel nostro paese. Si tratta della prima trasmissione radiofonica completamente dedicata a questo sport in Italia, al punto da valerci una citazione sul sito della FISO, Federazione Italiana Sport Orientamento. Ecco come il conduttore Alberto Grilli ci presenta il progetto.

Lo Zen e l’arte di punzonare

Mercoledì 28 aprile, dalle 23 alle 24, ha preso avvio sul sito di Radio Gamefox la trasmissione “Lo zen e l’arte di punzonare”, dedicata agli sport dell’orientamento.

L’intento del programma è quello di fornire una panoramica, in modo professionale ma non serio, sull’attualità italiana e internazionale delle quattro specialità gestite dalla nostra federazione di riferimento, la FISO. I conduttori e gli ascoltatori proporranno di volta in volta ulteriori rubriche da sviluppare (sempre che vi siano conduttori e ascoltatori…).

loading...
  1. corsa di orientamento (CO)
  2. sci orientamento (Sci-O)
  3. mountain-bike orientamento (MBO)
  4. orientamento di precisione (Trail-O)

Sul sito della FISO è stata presentata brevemente la trasmissione, al’indirizzo

http://www.fiso.it/04_notizie/dettaglio.asp?id=3949

La prima trasmissione è stata condotta da Alberto Grilli, atleta del CUS Parma e campione italiano sprint 2009 nella fascia d’età dai 35 ai 49 anni. Sono stati analizzati i risultati della prima prova di coppa del mondo di MBO e delle gare nazionali e regionali di CO dello scorso weekend, anche con l’ausilio di tre interviste preregistrate ad alcuni protagonisti: un atleta della nazionale di MBO, un atleta e un organizzatore delle gare di CO. Inoltre si è accennato al meeting svedese di orientamento di precisione e sono state presentate le gare in programma in Italia e in Canton Ticino nel prossimo fine settimana, oltre ad aver proposto un’anteprima sulla staffetta Tiomila, che si correrà in Svezia sabato 1° maggio con la partecipazione di tutti i migliori specialisti mondiali e italiani.

Purtroppo la prima puntata è andata in onda con un’ora e mezza di ritardo sull’orario previsto a causa del sovraffollamento dei server di Ustream in occasione della partita di Champions League, trasformandola in un programma per pochi nottambuli, ma il suono ha poi potuto giungere chiaramente sul Web e sul sito di Radio Gamefox è disponibile la registrazione di buona parte della trasmissione.

Cenni sugli sport dell’orientamento

Le gare di corsa, sci (fondo) e mountain-bike orientamento consistono nel portare a termine nel minor tempo possibile un percorso costituito da una sequenza di punti (lanterne) da raggiungere e timbrare (“punzonare”) con un testimone elettronico, con l’aiuto di una dettagliata cartina in scala da 1:4000 a 1:20000 (che viene consegnata alla partenza) e una bussola. A differenza delle gare di atletica il percorso non è segnato sul terreno, ma sta al concorrente scegliere di volta in volta il tragitto più veloce o più breve. Le competizioni si svolgono dovunque ci sia una cartina omologata, solitamente nel bosco, ma anche nei parchi o nelle zone abitate (internazionalmente nota è la gara di novembre a Venezia, con 3500 partecipanti da tutta Europa). Le gare nel bosco sono ricche di salite e discese, sui sentieri per i percorsi semplici, al di fuori di essi per i tracciati più complessi.

Le partenze delle gare ufficiali sono a cronometro, con un intervallo da 1 a 8 minuti; i percorsi sono suddivisi per età e abilità: tra i giovani le fasce di età sono di 2 anni, tra i master di 5, mentre le categorie assolute si dividono in Elite, A, B e C. Ad ogni gara è possibile iscriversi nelle categorie per principianti senza essere tesserati.

Ci sono gare sprint (nella 15 minuti circa per il primo), middle (35-45 minuti) e long distance (60 – 90minuti), oltre alle staffette, nelle quali i primi frazionisti partono insieme, ma sono poi separati lungo il percorso da un sistema di tracciatura a forchetta.

L’orientamento di precisione si distingue dalle altre 3 specialità perché non implica gesti atletici e si rivolge anche ad atleti disabili. Chi gareggia deve osservare entro un tempo massimo, restando su strade o sentieri, una serie di lanterne o gruppi di lanterne indicando quale di loro è stata posizionata esattamente in corrispondenza di ciò che è indicato sulla cartina. Alcuni quesiti sono inoltre da risolvere a tempo, alla presenza di cronometristi. Vince chi ottiene il punteggio più alto e, a parità di punti, indovina i quesiti a tempo nel minor numero di secondi.

I concorrenti in questa specialità non sono divisi per età, ma raggruppati in Elite ed esordienti.

Segnaliamo alcuni link per approfondire l’argomento:

www.fiso.it

www.fisolombardia.it

www.orienteering.org

www.solv.ch

loading...

Comments

comments

Facebook