Inter: caso Milito. Gli manca Mourinho

Dopo le parole di Diego Milito durante la sua sostituzione in Palermo-Inter “esco sempre io” ecco che a parlare è stato Hidalgo in una intervista al Corriere dello Sport: “Diego non è tran­quillo – spiega l’agente del Principe – ma essendo un professionista sa che certi pe­riodi possono capitare. Vuole uscirne in fretta, anche se non sente intorno a sé la fiducia della passata stagione. E uno come Mi­lito ha bisogno di avvertire l’ap­poggio dell’allenatore per dare il massimo”. “Mourinho lo ha fatto sentire indispensabile, il migliore del mondo. Adesso questa cosa con Benitez non succede. Si sente sempre sotto esame. Mou gli dava tranquillità”.
Hidalgo è anche tornato a parlare della partita di domenica: “Se fosse rimasto in campo magari avrebbe potuto segnare in contropiede e invece uscire è toccato nuovamente a lui. Certe cose non fanno piacere ma Diego ha comunque perso la pazienza. Magari ha chiesto di parlare con l’allenatore, ma sempre con toni educati. Perché lui ha troppo rispetto dei ruoli per alzare la voce o comportarsi male”.
In effetti fino ad ora, Milito è stato praticamente sempre sostituito dall’allenatore, ma come dargli torto con un Eto’o in condizioni strepitose?

loading...

loading...

Comments

comments

Facebook