Tour de France: Chavanel in maglia gialla

Seconda tappa del Tour de France, tutta in terra belga, da Bruxelles a SPA, lunga 201km e già grandi sconvolgimenti. La corsa gialla 2010 sembra essere partita nel segno delle cadute: anche quest’oggi una caduta che coinvolge tra gli altri Andy Schleck, Ivan Basso (già due cadute per lui in questo Tour) e Lance Armstrong causa una frattura del gruppo che lascia via libera al battistrada solitario Sylvain Chavanel, che chiude a braccia alzate e da domani indosserà anche il vessillo del primato.

loading...

La tappa si è aperta con una fuga ad 8, con il nostro Francesco Gavazzi ad accompagnare Lloyd, Turgot, Pineau, Borghardt, Roelandts, l’estone Taaramae e naturalmente il francese Chavanel. Mentre nel gruppo la pioggia e le cadute condizionano l’inseguimento ai fuggitivi, gli 8 davanti vanno di comune accordo e raggiungono un massimo vantaggio di poco superiore ai 4 minuti. Solitamente un vantaggio così esiguo con ancora piu di 130 km da percorrere lascerebbe indurre ad un ritorno del gruppo, con le squadre dei velocisti in testa a tirare per preparare il volatone finale, ma in discesa vola via Andy Schleck. Il lussemburghese si rialza dolorante e si lancia all’inseguimento del resto del gruppo, con Cancellara e i compagni Saxo Bank costretti a non tirare per aspettare il loro giovane leader. Attardati anche Alberto Contador, Ivan Basso e Lance Armstrong, unico con i compagni di squadra subito pronti a ricucire lo strappo.

Nel frattempo, tra i capoclassifica di giornata si scatena la bagarre e Chavanel rimane solo sullo Stockeu, con il vantaggio che dapprima torna sopra al minuto e successivamente sale fino ai 3 minuti e 56 finali, con Cancellara e la direzione del Tour che neutralizzano la tappa e quindi i distacchi di tutti quelli giunti dopo il francese, nuova maglia gialla della Carovana. Per dirla con uno dei fuggitivi di giornata, Jerome Pineau, compagno di squadra di Chavanel, “le sfortune di alcuni spesso fanno le fortune di altri”.

Domani terza tappa, sempre in Belgio da Wanze ad Arenberg, con la grande insidia del pavè, che potrebbe rendere in concomitanza con condizioni atmosferiche proibitive, questa tappa di 210km un teatro epico degno della classica Parigi-Roubaix.

Le Classifiche:

Tappa:

1. Sylvain Chavanel – Quick Step – 4h 40′ 48”
2. Maxime Bouet – AG2R La Mondiale – +3’56”
3. Fabian Wegmann – Milram – s.t.
4. Robbie McEwen – Team Katusha – s.t.
5. Christian Knees – Milram – s.t.
6. Jurgen Roelandts – Lotto – s.t.
7. Thor Hushovd – Cervelò Test Team – s.t.
8. Linus Gerdemann – Milram – s.t.
9. Matthieu Ladagnous – Francaise Des Jeux – s.t.
10. Bernhard Eisel – HTC Columbia – s.t.

Generale:

1. Sylvain Chavanel – Quick Step – 10h 01′ 25”
2. Fabian Cancellara – Saxo Bank – +2’57”
3. Tony Martin – HTC Columbia – +3’07”
4. David Millar – Garmin – +3’17”
5. Lance Armstrong – Radioshack – +3’19”
6. Thomas Geraint – Sky Pro Cycling – +3’20”
7. Alberto Contador – Astana – +3’24
8. Levi Leipheimer – Radioshack – +3’25”
9. Edvald Boasson Hagen – Sky Pro Cycling – +3’29”
10. Linus Gerdemann – Milram – +3’32”

loading...

Comments

comments

Facebook