Wimbledon: Nadal per la seconda volta re d’Inghilterra

E’ il favorito il vincitore di , edizione 2010. Non ci sono problemi al ginocchio (con annesse infiltrazioni) che tengano: e’ il bis del trionfo contro del 2008. L’avversario e’ quell’ammazzagrandi che non ti aspetti: Tomas , ex numero 13 del mondo (oggi e’ gia’ numero 8) che e’ riuscito a far fuori le teste di serie numero 2, Federer, e 3, Djokovic, che a fine torneo si trovano le posizioni ATP invertite.

Il ceco serve forte, fortissimo, ma il maiorchino risponde a tutto, anche alle bombe sulle 140 mph. Appena Tomas cala intensita’, Rafa colpisce. Prende il break del 4-3, e chiude con un nuovo break sul 6-3 il primo set. Berdych si riprende al secondo set: il maiorchino ha un calo proprio come contro Murray. Concede tre palle break, le elimina con il suo gioco profondo e ficcante, tiene il servizio dell’1-0 dopo 16 punti. Berdych non si perde d’animo, ma Rafa colpisce forte e nel game piu’ importante, il dodicesimo: i nervi di Tomas saltano e concede break e set a Nadal. E’ finita: la palla break del 2-1 Berdych si spegne su uno splendido rovescio in slice di Rafa, poi di nuovo break dello spagnolo, 6-4, game, set, match.

loading...

Addio specializzazione sulla terra rossa, Rafa e’ ormai un tennista polivalente. Manca solamente il cemento degli , e lo spagnolo e’ gia’ carico: “Gli US Open saranno uno degli obiettivi da qui a fine carriera”. Ginocchia permettendo, ma siamo certi che la determinazione di Rafa sara’, come qui a Wimbledon, piu’ forte di ogni infortunio.

loading...

Comments

comments

Facebook