Biathlon: doppio colpo per Domraceva e Svendsen, che sfiora anche la clamorosa rimonta in generale

Ancora grande spettacolo dal biathlon, con le gare mass start che hanno chiuso una stagione spettacolare e incerta fino alla fine.

Erano ancora apertissime le classifiche di specialità e mancava la parola finale nelle classifiche generali, con Bø avanti di 31 punti su Svendsen e Mäkäräinen in testa per 41 punti con 3 avversarie teoricamente in corsa.

loading...

Si apre il programma con la gara femminile e Mäkäräinen subito in difficoltà con 2 giri di penalità e il 26° posto parziale che la mette a rischio Coppa. Indenni alla prima serie di tiri solo una decina di atlete, con Henkel scatenata avanti a Jurlova e Berger.
Al secondo tiro a terra sbagliano tutte le leader (Berger ben 3 volte) e al comando si porta la russa Bogalij sulla connazionale Zaitseva; poi henkel, Domraceva e la rediviva Neuner, ieri assente e oggi al via seppur malaticcia per difendere il primo posto nella classifica di specialità. Mäkäräinen torna in posizione confortante (16°) dopo un bel 5 su 5.
Bogalij ancora senza errori dopo la terza serie, inseguita da Domraceva e Henkel che approfittano della penalità di Zaitseva; sbaglia ancora 2 volte Mäkäräinen che scivola al 18° posto e può respirare solo grazie al fatto che Berger infila altri 3 errori e Ekholm ne ha già commessi 4.
Nel quarto giro Domraceva supera Bogalij e si presenta in testa all’ultimo tiro, dove sbaglia subito i primi 2 colpi; la bielorussa rimedia centrando gli altri 3, ma nel frattempo Bogalij le passa davanti con un solo errore. 2 giri anche per Henkel e così Zaitseva si riporta terza. Neuner è settima e i 14 punti su Domraceva le stanno scivolando via, dovrebbe recuperare almeno 2 posizioni.
Nell’ultimo giro Domraceva mette definitivamente le cose in chiaro andando di nuovo a riprendere Bogalij e staccandola nel finale per imporsi nella gara e nella coppetta; Zaitseva è terza per un’ottima giornata delle russe, a
Mäkäräinen basta e avanza il 15° posto per conquistare un’insperata Coppa del mondo dopo una stagione sempre vissuta all’avanguardia.

Tra gli uominisi rivede Bjørndalen che dopo il primo giro conduce su Cerezov e Fourcade, che deve difendere la leadership di specialità da Svendsen e Bø.
Il francese passa a tirare e al secondo tiro a terra non sbaglia, restando al comando su Berger e Peiffer; un errore ciascuno per Bø e Svendsen, come per Bjørndalen.
Berger imprime un buon ritmo nel terzo giro in compagnia di Fourcade e Peiffer, ma i tre sbagliano al poligono favorendo un capovolgimento di situazione che porta in prima posizione Ustjugov sui tedeschi Graf e Wolf; Bø e Svendsen sbagliano ancora e si marcano stretto in 13a e 12a posizione.
Quarto giro con Ustjugov in progressione su Bjørndalen che va a riprendere graf portandosi dietro Peiffer, mentre cala Wolf e Fourcade è sesto preceduto da Berger; si arriva così all’ultima serie di tiri della stagione con Ustjugov subito a sbagliare per poi limitare i danni centrando i restanti 4 bersagli. Non sbaglia Bjørndalen che fugge solitario, mentre si attardano nei giri di penalità Peiffer e Graf. Clamoroso Svendsen, che infila una serie impeccabile e raggiunge Ustjugov all’inseguimento di Bjørndalen. Si riaprono i giochi nelle due Coppe perché Fourcade scende in ottava posizione e Bø con due errori è addiittura 12°. Al momento Svendsen è ancora dietro di 12 punti in generale, ma vincendo raggiungerebbe il rivale a pari punti nella generale.
Bjørndalen inizia di gran carriera l’ultimo giro, inseguito da Ustjugov che si trascina Svendsen; Fourcade passa settimo e Bø deve superare 4 tedeschi che stanno davanti a lui per essere più tranquillo.
Bjørndalen entra ancora con un buon margine nello stadio, ma la sua azione si affievolisce, così che i due rivali lo raggiungono in cima all’ultima salita e lo superano di slancio; Svendsen prende la corda e nel finale sfugge di misura all’attacco di Ustjugov andando a prendersi anche la coppa della mass start. recupera 4 posizioni e salva la sua prima Coppa del mondo per soli 5 punti.
Fino all’ultimo metro le emozioni non sono mancate, che spettacolo!

Classifiche
, 20 marzo 2011
12,5 km. mass start femminile
1 DOMRACHEVA Darya BLR 1+0+0+2 36:13.0
2 BOGALIY-TITOVETS Anna RUS 0+0+0+1 +16.0
3 ZAITSEVA Olga RUS 0+0+1+0 +25.0
4 HENKEL Andrea GER 0+1+0+2 +36.8
5 SLEPTSOVA Svetlana RUS 1+1+0+1 +50.3
6 NEUNER Magdalena GER 1+0+1+1 +59.2
7 EKHOLM Helena SWE 2+2+0+0 +1:12.9
8 GUSEVA Natalia RUS 0+0+0+0 +1:14.2
9 HITZER Kathrin GER 1+0+1+1 +1:22.7
10 SEMERENKO Vita UKR 0+0+0+0 +1:36.0
11 SEMERENKO Valj UKR 1+0+1+1 +1:42.4
12 SEDOVA Evgeniya RUS 1+1+0+0 +1:50.3
13 GÖSSNER Miriam GER 2+1+3+1 +1:58.0
14 BACHMANN Tina GER 1+0+2+3 +1:58.4
15 MÄKÄRÄINEN Kaisa FIN 2+0+2+0 +2:01.7
16 BERGER Tora NOR 0+3+3+0 +2:09.2
17 GASPARIN Selina SUI 0+2+2+0 +2:19.1
18 PONZA Michela ITA 0+1+1+1 +2:30.2
19 DORIN Marie FRA 1+0+1+1 +2:43.7
20 SKARDINO Nadezhda BLR 1+1+1+0 +2:47.8
21 GREGORIN Teja SLO 1+1+0+2 +2:52.5
22 STUDEBAKER Sara USA 0+0+0+1 +2:54.1
23 YURLOVA Ekaterina RUS 0+1+3+2 +2:59.6
24 ZIDEK Anna Carin SWE 2+1+1+2 +3:02.7
25 PIDHRUSHNA Olena UKR 3+0+1+0 +3:15.6
26 KUZMINA Anastasiya SVK 2+2+1+2 +3:21.7
27 JOHNSON Haley USA 2+0+0+1 +3:23.5
28 FLATLAND Ann Kristin Aafedt NOR 1+1+0+1 +4:12.2
29 BESCOND Anais FRA 2+1+1+4 +5:26.3
30 SAUE Eveli EST 3+1+1+2 +6:06.4

15 km. mass start maschile
1 SVENDSEN Emil Hegle NOR 0+1+1+0 39:07.6
2 USTYUGOV Evgeny RUS 0+0+0+1 +0.4
3 BJOERNDALEN Ole Einar NOR 0+1+0+0 +10.0
4 SUMANN Christoph AUT 1+0+1+0 +23.4
5 PEIFFER Arnd GER 0+0+1+1 +35.7
6 FERRY Björn SWE 0+0+1+0 +36.7
7 FOURCADE Martin FRA 0+0+2+1 +47.6
8 BOE Tarjei NOR 0+1+1+2 +55.2
9 STEPHAN Christoph GER 1+0+0+0 +1:00.6
10 GRAF Florian GER 0+0+0+2 +1:04.9
11 GREIS Michael GER 0+0+1+1 +1:08.7
12 WOLF Alexander GER 0+0+0+1 +1:29.4
13 JAY Vincent FRA 1+0+1+0 +1:44.2
14 MESOTITSCH Daniel AUT 1+0+1+1 +1:44.6
15 LINDSTRÖM Fredrik SWE 1+1+0+1 +1:45.2
16 BERGER Lars NOR 0+0+2+4 +1:45.3
17 EBERHARD Tobias AUT 1+0+2+1 +1:45.3
18 TCHEREZOV Ivan RUS 0+3+1+1 +1:47.2
19 HOFER Lukas ITA 0+3+1+1 +1:56.1
20 OS Alexander NOR 0+1+1+2 +1:56.2
21 MAKOVEEV Andrei RUS 1+1+1+1 +2:09.6
22 EDER Simon AUT 1+1+0+1 +2:19.6
23 HURAJT Pavol SVK 1+0+0+0 +2:30.2
24 SHIPULIN Anton RUS 1+1+1+1 +3:10.5
25 BOEUF Alexis FRA 1+0+2+1 +3:15.0
26 SEDNEV Serguei UKR 0+0+0+1 +3:38.3
27 DE LORENZI Christian ITA 1+2+2+1 +3:45.5
28 SLESINGR Michal CZE 2+1+1+2 +4:10.9
29 BERGMAN Carl Johan SWE 1+0+2+3 +4:12.8
30 SEMENOV Serhiy UKR 1+2+0+0 +5:29.4

Classifiche finali

Coppa del mondo femminile
1 MÄKÄRÄINEN Kaisa FIN 1005
2 HENKEL Andrea GER 972
3 EKHOLM Helena SWE 971
4 BERGER Tora NOR 963
5 NEUNER Magdalena GER 952
6 DOMRACHEVA Darya BLR 862
7 DORIN Marie FRA 726
8 GREGORIN Teja SLO 722
9 KUZMINA Anastasiya SVK 708
10 ZIDEK Anna Carin SWE 703

Coppa mass start femminile
1 DOMRACHEVA Darya BLR 236
2 NEUNER Magdalena GER 228
3 BERGER Tora NOR 206
4 HENKEL Andrea GER 205
5 EKHOLM Helena SWE 195
6 BRUNET Marie Laure FRA 157
7 GREGORIN Teja SLO 152
8 MÄKÄRÄINEN Kaisa FIN 140
9 DORIN Marie FRA 140
10 SLEPTSOVA Svetlana RUS 137

Coppa del mondo maschile
1 BOE Tarjei NOR 1110
2 SVENDSEN Emil Hegle NOR 1105
3 FOURCADE Martin FRA 990
4 PEIFFER Arnd GER 735
5 TCHEREZOV Ivan RUS 711
6 GREIS Michael GER 707
7 FERRY Björn SWE 607
8 SUMANN Christoph AUT 594
9 SLESINGR Michal CZE 592
10 BJOERNDALEN Ole Einar NOR 586

Coppa mass start maschile
1 SVENDSEN Emil Hegle NOR 244
2 FOURCADE Martin FRA 230
3 BOE Tarjei NOR 211
4 USTYUGOV Evgeny RUS 149
5 HOFER Lukas ITA 148
6 PEIFFER Arnd GER 143
7 BJOERNDALEN Ole Einar NOR 142
8 TCHEREZOV Ivan RUS 140
9 SUMANN Christoph AUT 138
10 FERRY Björn SWE 137

loading...

Comments

comments

Facebook