Vince ancora lui: 2 chiacchere con Rotten!

dcariboni incontra Rotten…il pluricampione!!

Rotten, complimenti per la vittoria in serie Oro, la terza della storia! In pochi pronosticavano un tuo successo ad inizio stagione, dopo l’incidente di percorso di due stagioni fa alla fine la tua società era iscritta (e fa effetto dirlo) come neopromossa!

Successo fortunoso o successo meritato? Gli scontri diretti con Fabry sono stati all’ultimo punto…

loading...

Beh un filosofo latino (o forse era Zdenek Zeman… non ricordo) diceva che nella vita 50% è fortuna 50% è bravura. Sono stato bravo nel gareggiare alla pari con Fabry con una squadra leggermente inferiore sfruttando le sfaccettature strategiche della NL. Fortunato a trasformare quel pareggio in Vittoria finale.

A parere di chi scrive, c’è del tuo, come ad esempio la scelta di non allenare il settore dei marciatori… una scelta strategica consequenziale alla riduzione del n° di tecnici.

La scelta di non allenare i marciatori non è legata alla NL, è più una scelta strategica strutturale che mi porterò per sempre o per moltissime stagioni. Ovviamente è legata alla riduzione del numero dei tecnici. Ho scelto di sacrificare i marciatori perché sono i più noiosi da allenare, sono dei succhia-stipendi (preferisco avere il mio punto debole in un settore oneroso da mantenere) e nel mercato ce ne sono parecchi. Quindi, a seconda degli obbiettivi, varierò la forza di quel settore.

Mi raccomando, non seguite le mie orme…sennò poi non ne trovo più sul mercato!

La riforma delle manifestazioni ha colpito parecchio alla luce dei primi risultati dei meeting. Quali sono le tue sensazioni? Mi sa che stadi sopra i 15k si riempiranno solo nelle serie alte in NL e nei meeting seniores, solo se vivi sugli accordi tra manager. Concordi?

La logica è corretta: maggior pesi ai premi derivanti dai risultati sportivi rispetto alle entrate derivanti dagli “immobili”. Purtroppo però non risolve il sistema degli accordi da cui la maggior parte di noi è noiosamente legata e forse il tutto è stato un po’ troppo repentino. Vedremo… di sicuro non conviene più spingersi oltre i 20k (sono a 27k sigh..), anche perché il ranking ha un peso abbastanza limitato.

Come parziale compensazione di chi ha costruito parecchio, in maniera logica e tatticamente corretta, si potrebbe dare la possibilità di demolire recuperando parte della spesa, non so un 20% (anzi mo lo propongo).

Insomma, siamo In Italia, un bel condono e siam tutti più felici.

Prima per crescere, molti manager giocavano a “Stadiothlon” per diverse stagioni, ora non conviene più come prima, superate certe dimensioni. Qual è la nuova strategia per una crescita a tuo parere?

L’indirizzo dello staff è di puntare sull’allenamento specifico. Quindi consiglierei di scegliersi un settore, 2-3 tecnici da 50k e acquistare giovani atleti forti e con un bell’impegno da rivendere in futuro ai vari mercati del pesce Tedesco, Svizzero, Olandese, Rumeno. Bisogna comunque mantenere una squadra completa per la NL che è diventata più importante. Condire il tutto con qualche straniero del Turkmenistan e qualche 35enne decoroso, vista anche l’introduzione delle nuove manifestazioni… Ah, e uno stadio decente va comunque costruito e mantenuto.

Certo facile a dirsi…

La riduzione del n°dei tecnici, con i conseguenti risparmi di costi, si diceva che avrebbe valorizzato il mercato, ..ma con la riduzione degli incassi dei meeting..le società potranno spendere meno soldi per acquistare nuovi atleti..che ne pensi?

Credo invece che una minor circolazione di soldi potrebbe portare a un aumento degli atleti forti sul mercato. Anche perché non penso che ci sarà deflazione per atleti di prima fascia. Il mercato di è sempre stato un po’ smortino perché l’economia non è cosi complicata da indurti a vendere il tuo futuro campione del mondo alle società più forti. Non che sia un male eh.. è solo una constatazione.

La tua prossima strategia, è puntare solo sugli atleti italiani, confermi che ci sarà presto, questa nuova impostazione? Effettivamente è un altro modo, tra i tanti per giocare a Maxithlon. Ma è una scelta che parrebbe più indicata per piccole nazioni…farlo con gli atleti italiani e rimanere ad alto livello non è facile..

Si, come ho annunciato nel comunicato stampa nel giro di 4 anni punto ad avere solo atleti italici. Non è una scelta strategica, ma solo un modo per avere stimoli maggiori e che ho sempre perseguito in tutti i manageriali in cui ho giocato. Non credo comunque sia una cosa impossibile da realizzare, il problema non saranno sicuramente i soldi, ma la disponibilità di atleti davvero forti sul mercato, probabilmente mi toccherà andare a bussare alle porte dei vari manager, vedremo…

Parliamo della stagione 23, che obiettivi ti prefiggi? Chi vedi favorito per la NL e per i Societari Nazionali (a sensazione ancora non si sanno nemmeno i nomi delle società qualificate)?

Sicuramente le Olimpiadi, il mitico WR delle 1.500 donne, quello del Lungo e del Giavellotto Uomini. In secondo piano una buona NL (purtroppo il calendario è terrificante) e gli individuali per chi non potrà dire la sua alle Olimpiadi.

In NL sarà una bella lotta Fabry-Cloris, per me più vicini di quanti tutti pensino. I societari sono stati snobbati da parecchie squadre forti… non so, non ho ancora visto al lista dei qualificati, forse Smallino?

Sbilanciati, chi potrà essere la “sorpresa” nella prossima serie Oro!

Vedo molto bene Umibozu… no dai non si possono sempre sparare cazzate… uno tra Vulture e Moonchild potrebbe, studiando bene il calendario, rompere le balle al duo favorito.

loading...

Comments

comments

Facebook