Serie 2: ecco come sara’ la stagione 24

Dopo la sbornia sui pronostici della Oro, ecco arrivati alla sua anticamera. Le squadre di serie 2 sono pronte al via, proviamo a vedere come possono concludersi i due campionati foraggiamento di forze nuovo per la serie regina. Aprite gli occhi e… buona lettura

Serie 2.1

loading...

Attenzione alla crescita della serie sempre definita piu’ povera. Ci sara’ l’aggancio?

I Favoriti per la Oro

Lo status di favorito insegue Trionfo Ligure: e’ decisamente il piu’ forte, ha un’eta’ media non avanzata (24) e pare abbia tutti i requisiti in regolare per salire. Solo se lui si mettera’ di traverso potra’ lasciar perdere. L’altro pretendente e’ finalmente Lucchirpool: Rlucchi ha una squadra ben equilibrata con ottimi saltatori e fondisti. Qualche perplessita’ per velocisti e lanciatori, ma nessuno delgi altri ci pare al suo livello. Attenzione alle sue carenze tattiche e alla forma decisamente scarna (appena inferiore a 16).

Gli Outsider

4pini ha la forza per poter dare fastidio davvero a Rlucchi. Buona eta’ media, a 23 anni e mezzo, grandi concorsi, splendida velocita’. Ci sono perplessita’ su mezzofondo e fondo femminile (soprattutto) ma se Alfioduca ci crede puo’ entrare di prepotenza nella lotta promozione. Fenice ed A.U. Malignani sono l’altra coppia che potrebbe dare molto fastidio. Malix viene dalla Oro e ha venduto qualche pezzo grosso: la sua squadra “normale” non dovrebbe impensierire i migliori 3. Ma attenzione alla sua esperienza e a dei concorsi assolutamente di livello: alla lunga potrebbero davvero creare sorprese. Checo si e’ salvato all’ultimo in stagione 23, ma e’ un bluff: le gare di corsa, marcia esclusa, sono il fiore all’occhiello di una societa’ leggermente carente nei concorsi. Questione di motivazioni: se lo sostengono sara’ la vera mina vagante del girone.

Il Gruppone

E’ Campidoglio Palatino a guidare la parte alta del gruppone. Sorprendente la scorsa stagione, Gianpino ha dalla sua degli ottimi concorsi e l’eta’ media piu’ bassa di tutti i veri “giocanti” (21.6) che significa migliori e piu’ veloci capacita’ di ripresa dei suoi atleti. Le gare di corsa, pero’, sono un difetto da sanare al piu’ presto. Atletica Modica e’ un altro che si e’ salvato con autorita’, ma i vari interessi concomitanti (non ultimi quelli sui meeting) rischiano di minare la resa del suo ottimo organico, infarcito di buone punte, ma carente di armonia. 23 anni di eta’ media sono un buon viatico. S.S. Crotone e’ tornato a riaffacciarsi qui, ed e’ stato promosso quasi senza sforzo. Crotone ha dalla sua dei discreti concorsi, un’eta media appena sopra i 22 anni e una unita’ di squadra sufficientemente qualitativa. Pessimi i mezzofondisti, non ha velleita’ di risalita ma lo pronostichiamo nuovamente qui. Come quella “folle” di Puffolandia: dopo l’enorme spavento di stagione 23, Silvia si ripresenta ai blocchi di partenza con entusiasmo rinnovato, seppur supportato da una forma tragicamente bassa (15.3). E’ questo l’unico limite dei “puffi”: la squadra c’e’, con un ottimo reparto salti, fondo, marcia, dei discreti velocisti e un solo grosso punto di domanda sui lanci. Auspichiamo per Silvia una permanenza ben piu’ tranquilla. Arriviamo ai veri pericolanti. Desmothlon non si e’ salvato bene la scorsa stagione: sono i lanci troppo da terza serie a pesare. Bene i salti maschili, rivedibile la velocita’: altra stagione di passione per Sorbellini. Come per la neopromossa Libertas Udine: la velocita’ e’ un ottimo settore, come i lanci femminili. Il resto e’ decisamente pericolante. La rosa e’ corta e vecchia (26 l’eta’ media), qualche cessione illustre sta pesando molto: Cece dovra’ remare, e non poco, per salvarsi. Come Shapeless: BeyondtheLimit pareva spacciato nella scorsa stagione, ma il suicidio di Yato l’ha tenuto a galla. Di livello pare soprattutto, ma solo, la velocita’: le nuvole si addensano sopra fondo, mezzofondo e soprattutto concorsi. Ci sara’ da soffrire fino all’ultimo, ma, di un’incollatura, Shapeless dovrebbe nuovamente farcela.

Le Retrocesse

Sant’Angelo Team e’ pronto per il doppio carpiato: ha rifondato e ringiovanito, ha quasi riempito tutte le caselle ma non e’ uno sfidante proponibile con un’eta’ media di 17.4. Salutera’ pressoche’ per certo anche la seconda. Genoa Athletic Club e A.S. Rapido probabilmente gli faranno compagnia: salite forse con troppa fretta dalla terza, non sembrano avere la forza per reggere l’urto di una seconda. Grifone ha fondisti e saltatori decisamente di basso livello, oltre ad una forma (15.4) piu’ che preoccupante, Arlem una squadra di qualita’ medio-bassa senza grossi picchi. E l’eta’ non fa pensare ad un futuro roseo (24.2 di media). La quarta retrocessa battagliera’ fino in fondo, ma dovrebbe cedere gli stemmi sulla propria bandiera: La Valle del Lura ha gia’ compiuto un miracolo lo scorso anno, e i miracoli difficilmente accadono di nuovo. Eccetto per la velocita’, le gare di corsa sono da rifondare, mentre i concorsi sono di discreto livello. Il campanello d’allarme e’ l’eta’ media, piu’ vecchio di chiunque altro in seconda: 28 anni, la rifondazione a questo punto e’ piu’ di un consiglio.

Conclusioni

Il livello di questa serie e’ ormai pari a quella della piu’ nobile 2.2. La bagarre in coda fa pensare sicuramente ad un bellissimo finale, con almeno 6 squadre a giocarsi tre posti. Quelli nuovamente al sole. Speriamo, per lo spettacolo,  in un finale thrilling come la scorsa stagione.

Serie 2.2

Con il saluto di Steone e Piotta, molta della vecchia guardia se n’e’ andata. La qualita’ ne risente: e’ forse la piu’ facile 2.2 da almeno 5 stagioni a questa parte.

I Favoriti per la Oro

Citare Cramelan e’ pressoche’ un obbligo. Cloris ha coperte tutte le specialita’ con atleti di livello mondiale. Ha scelto di retrocedere e, con un impegno minimo, potra’ tranquillamente salire. Anche l’eta’ media, appena inferiore ai 24 anni, sembra spingerlo su. A fargli compagnia sara’ la volta di Paolino Paperino, ma Esise deve lasciar perdere i societari lombardi per avere davvero speranze. La squadra c’e’, soprattutto al femminile (al maschile su lanci e marcia nutriamo qualche dubbio): di certo e’ che se vorra’ conquistare il sogno dell’Oro dovra’ spingere fino alla fine.

Gli Outsider

Molto vicino ad Esise e’ soprattutto l’altra retrocessa: Italian Vampires deve dimostrare di non aver subito il contraccolpo della retrocessione, perche’ la squadra rimane competitiva. Dubbi sui concorsi, ma velocita’ e fondo maschile rimangono sfavillanti. Occhio all’eta’ media, non piu’ verde (siamo vicni ai 25 anni). Le altre due contendenti hanno storie diverse, ma partono da un ulteriore gradino sotto. Santa Monica e’ l’esempio dell’incompiuto: squadra che, concorsi non eccelsi a parte, dovrebbe da stagioni far parte della Oro, snobba da molto sia la NL che il gioco in se’, conservandosi qui e facendo alzare l’eta’ media (siamo vicini ai 27 anni). Rukawa potrebbe ruggire sonoramente per l’ultima volta. Atletica Desio, invece, e’ l’esempio della continuita’: sorprendente ormai da un paio di stagioni, Simo ha solo posto le basi per quello che potrebbe essere la sua 24. La forma e’ bassa, appena inferiore a 16, la velocita’ femminile e’ il fiore all’occhiello di una squadra senza grosse punte ma una compattezza rara. Attenzione perche’ in NL da’ sempre tutto e, in caso di cali altrui, potrebbe bastare.

Il Gruppone

Atletica FVG nel gruppone? No, non e’ uno scherzo, ma per Rambler gli obiettivi vengono prima di tutto. Ha rifondato, come detto, il settore fondo e marcia per concentrarsi sui mondiali master. Il resto della squadra e’ fuori competizione qui. Si salvera’ senza spendere un solo goccio di sudore, e non fara’ di piu’ solo per i grossi buchi presenti. Lokomotiv Cinecitta’ puntera’ ancora sulle gare individuali: Tsunami ha costruito la squadra senza armonia, con grandi punte per i grandi eventi. Impensabile vederlo piu’ su in NL. Discorso simile per sugosport: attenzione pero’ a Sugo, che ha gran concorsi e un pensierino alla NL l’ha sempre fatto. Potrebbe quasi essere il quarto outsider. E’ Olimpia il vero limbo della serie 2: bene velocita’ e salti femminili, vive sui suoi campioni e un resto di squadra mediocre, e’ irraggiungibile per le pericolanti ma le altre compagini sono troppo forti. Altra stagione tranquilla per Arkantos. Veniamo ai piu’ problematici. Fusoloppet e Upol Gavirate si sono salvati benissimo la scorsa stagione, nella 24 dovranno faticare forse piu’ del previsto. Fabio ha una squadra mediamente di livello con un’eta’ molto bassa (22.4 di media) che dovrebbe garantirgli l’equilibrio necessario per resistere nonostante manchino “gli” atleti in grado di fare la differenza e a cui aggrapparsi in caso di problemi, Jack ha un buon set di fondisti e mezzofondisti ma paga nei concorsi e nella velocita’. Ed e’ questa la preoccupazione piu’ grande. Ancora piu’ in pericolo l’unica neopromossa in grado di salvarsi: Mens Sana ha grandi velocisti ed ottimi fondisti, ma come preoccupano quei concorsi. Se si salva, l’eta’ media bassissima (22) riuscira’ a portarlo davvero in alto.

Le Retrocesse

Bislip, Walalla e Pro Voyeurs: ecco il trittico di neopromosse che presumibilmente dureranno l’alba di una farfalla qui. Bislipur ha semplicemente una squadra inadatta alla serie: i concorsi sono da media terza serie, ma e’ l’eta’ media (21.4) a condizionarlo pesantemente. In due stagioni potrebbe tornare con delle differenti credenziali. JDT schiera una squadra di livello leggermente superiore, ma anche qui il salto alla seconda e’ parso azzardato. Molto profonda, paghera’ nei concorsi, ha un’eta’ media nella norma (23.2) ma anche tirare a tutta potrebbe non bastare. Come per Walalla: qualche punta in piu’ per sperare, ma concorsi davvero deleteri per la sua probabile classifica. Un consiglio: per restare qui e’ necessario per tutti e tre far ruotare al meglio la rosa, cercando di sfruttare la miglior forma. E’ disperato forse, non e’ sicuro, ma e’ l’unica chance. La quarta retrocessa battagliera’ fino alla fine, ma Atletica Corti e Veloci e’, davvero, un passettino indietro. Se i fondisti garantiscono buoni risultati, la qualita’ dei velocisti preoccupa terribilmente, come i concorsi non all’altezza. 23 l’eta’ media, puo’ sperare, ma parte una mezza fila indietro al gruppone.

Conclusioni

Bella anche qui la bagarre per non retrocedere, ed in vetta e’ tutto fuorche’ deciso. Il sale ora lo mettano i manager: gia’ sappiamo che non ci tradiranno.

loading...