Il punto sul mercato Montepaschi: Kaukenas cavallo di ritorno?

La rifondazione passa da qui. Il colore Montepaschi risplende da troppo tempo su Siena per non pensare di allestire una nuova squadra di livello assoluto.

I tasselli mancanti sono essenzialmente due: un’ala piccola e una guardia.

loading...

Sono sorti problemi per l’ingaggio di McCalebb, soprattutto per via del suo passaporto macedone. Indipendente dalla Montepaschi questa storia, ma il play sara’ presumibilmente lui anche se come spot americano.

Per lo spot di guardia, il nome che circola negli ambienti senesi e’ assolutamente di qualita’, nonostante la non piu’ verde eta’. Parliamo di Rimantas Kaukenas, lituano classe 77, 4 stagioni a Siena da protagonista, con un palmares di 3 campionati italiani, due supercoppe e una coppa Italia. Dalla scorsa stagione e’ in forza al Real Madrid, dove spesso non e’ partito titolare ma ha chiuso con percentuali fantastiche: 41% da tre, 54% da due, per oltre 8 punti di media. Il problema e’ il contratto che lega Rimantas con la squadra castigliana, facilmente superabile con un accordo tra i due club. Dovesse saltare il lituano, quasi svanita l’alternativa Hawkins (per cui si dovrebbe trovare un’alternativa comunitaria nello spot di ala piccola, accantonando Anderson di cui parleremo in seguito), risuona prepotentemente il nome di Yotam Halperin, guardia israeliana classe 84 in forza all’Olympiacos. Meno atletico di Kaukenas, e’ assolutamente devastante nel tiro dalla lunga distanza (44% nelle ultime due edizioni di Eurolega, addirittura il 61% nell’ultimo campionato greco). La sensazione pero’ e’ che l’accordo con il cavallo di ritorno Kaukenas possa davvero farsi.

Veniamo all’ala piccola: il favoritissimo e’ Alan Anderson. Classe 82 da Minnesota, ha tentato senza gran successo la carriera NBA, prima di esplodere in Europa, con cifre da superstar, tanto che nell’ultima Eurolega ha chiuso, nelle fila del Maccabi, con 14 punti di media, quasi 4 rimbalzi e oltre 2 assist, per un 48% dal campo. Siena e’ la sua prima scelta, sempre che non squillino le campane della NBA. Ma se il campionato professionistico americano si comportera’ come con Sato, beh, in Italia sbarchera’ un talento assoluto. Per provare a far decollare quella che si sta delineando come la nuova corazzata Montepaschi.

loading...

Comments

comments

Facebook